Utente 183XXX
Dottori salve, dopo un primo episodio per il quale avevo già chiesto un consulto e che avevo scambiato per un caso di dolore intercostale, ho avuto vari attacchi per tutta l'estate, con una distanza massima, l'uno dalla'altro, di 15 e minima di 8 giorni.
Il problema sono dei forti dolori all'altezza della bocca dello stomaco e da entrambi i lati, comprendenti anche la parte superiore dell'arcata costale; lo stomaco mi sembra gonfio ed come se mi si stringesse; tutta la parte mi sembra indurita e fa male al tatto, quando i dolori sono particolarmente forti fatico a respirare (durante il primo episodio ho avuto anche un'attacco di iperventilazione), il dolore si estende verso dietro attraverso le costole, inoltre tremo e sudo.
L'attacco arriva all'improvviso, quasi sempre dopo oltre un'ora dai pasti, in un solo caso durante la notte, dura da una a tre ore; trovo sollievo stando piegata in avanti, respirando in un sacchetto e soprattutto quando alla fine riesco a ruttare. Sono sempre stata sensibile di stomaco e ho spesso acidità, inoltre due anni fa mi sono stati diagnosticati casualmente dei calcoli biliari che mi hanno sconsigliato di toccare.
Non credo siano dolori intercostali perchè in genere si ripetono per più giorni consecutivi e trovo sollievo coprendomi, invece questi dolori si presentano all'improvviso, ma non mi danno nessun disturbo ne prima, ne dopo la crisi; non credo neanche che sia lo stomaco perchè il dolore è diverso e direi che è intorno e non dentro lo stomaco.
Ultimo particolare è che, dopo che i dolori si sono calamati, mi rimane un dolorino sulla spalla destra che si estende lungo il braccio; ho pensato che fosse dovuto alla posizione piegata che mantengo, ma forse per voi potrebbe essere un sintomo indicativo.
Il mio medico di base mi ha prescritto un'ecografia, ma c'è oltre un mese da aspettare, quindi nel frattempo chiedo a voi un consulto e magari qualche consiglio.
Vi ringrazio

Ps: ho fatto gli esami del sangue e delle urine, i risulatati sono tutti regolari tranne il PH delle urine, lievemente più basso e la gamma GT lievemente più alta; purtroppo non ho sottomano i valori precisi.

[#1]  
Dr. Andrea Favara

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
CANTU' (CO)
MARIANO COMENSE (CO)
COMO (CO)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2002
Prenota una visita specialistica
La sintomatologia sembrerebbe riferibile ai calcoli biliari e potrebbe essere indicata una colecistectomia.

https://www.medicitalia.it/minforma/chirurgia-generale/117-i-calcoli-della-colecisti-e-la-colecistectomia-laparoscopica.html
Dottor Andrea Favara
http://www.andreafavara.it

[#2] dopo  
Utente 183XXX

Dottore la ringrazio, vorrei chiederle se in attesa dell'ecografia posso fare qualcosa.

[#3]  
Dr. Andrea Favara

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
CANTU' (CO)
MARIANO COMENSE (CO)
COMO (CO)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2002
Evitare grassi,fritti,uova e formaggi.
Dottor Andrea Favara
http://www.andreafavara.it