Utente
Buongiorno. Innanzitutto spero di non aver sbagliato sezione per porre il mio quesito che è il seguente.
Sono seguita da una centro per PMA in quanto sono alla ricerca di una gravidanza. Nell'ambito dei controlli di routine mi sono state riscontrate due cisti ovariche (una in realtà già esistente) e così la dott.ssa mi ha prescritto di controllare alcuni markers (LDH, CEA, CA 19.9; CA 125; CA 15,3 HE4 Alfa 1 fetoproteina).
Ho effettuato il primo prelievo in data 29.04.2016, tutti i markers rientravano nei valori di riferimento ad eccezione del Ca 19.9 che era pari a 64.2 (val rif. U/mL <34.0).
mi è stato prescritto un periodo di utilizzo di pillola anticoncezionale (Loette per due mesi) e poi controllo.
Effettuato nuovo prelievo in data 7.07.2016 ancora una volta tutti i markers presentavano valori normali ad eccezione del CA19.96 che era pari a 46.2)
A questo punto il medico, venuto a conoscenza di casi di K gastrico e K al colon in famiglia, per scrupolo, ha suggerito di sottopormi a colonscopia e gastroscopia.
In data 3.08.2016 ho effettuato la gastroscopia di cui riporto il referto " Non lesioni in esofago. Giunzione esofago-gastrica posta a 40 cm dall'ads, regolare.Cardias in sede, continente. Cavità gastrica normodistensibile con mucosa trofica, senza lesino attive. Normale il duodeno, esplorato fino alla II porzione. Eseguite biposie in antro per ricerca Hp.". il risultato dell'esame istologico sarà disponibile a partire dalla metà di settembre.
In data 10.08.2016 ho eseguito colonscopia . Questo il referto: " esame condotto fino al cieco. Toilette intestinale buona secondo Scala di Boston. Di segnala lesione polipoide sessile 0.5 cm al discendente asportata con ansa diatermica (tipo 0-1s secClassificazione di Parigi). Null'altro da segnalare nei restanti tratti esplorati. Emorroidi congeste del canale anale." l'esame isotologico parla di "Frammento di adenoma tubulare del colon con displasia di grado lieve".
In data 29.08.2016 ho ripetuto il Ca 19.9 ed è risultato essere pari a 117.4 (il prelievo l'ho effettuato sempre presso la medesima struttura ospedaliera per cui non ritengo ci possano essere discrasie dovute a diverse metodologie di analisi).
A questo punto, atteso l'esito negativo degli esami effettuati, a cosa può essere dovuto l'incremento del CA 19.9? Dovrei sottopormi ad ulteriori esami, eventualmente quali?
Confesso di essere un pò preoccupata anche in considerazione dei precedenti casi di k in famiglia.
Grazie in anticipo per i chiarimenti ed i consigli che Vorrete darmi

[#1]  
Dr. Marco Bacosi

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
POMEZIA (RM)
ROMA (RM)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2012
Il CA19-9 è un marcatore tumorale poco specifico (ovvero può essere indice di tumori in vari organi, più frequentemente retto e pancreas).
Tenga presente, inoltre, che esistono numerosi casi di falso positivo in cui il rialzo del CA 19-9 è associato solamente a patologie benigne o tipo infiammatorio.
Come tutti i marcatori NON serve a fare diagnosi di neoplasia!
Nella sua città operano ottimi gastroenterologi: le conviene farsi visitare e parlare con un collega che potrà osservare tutta la sua documentazione e decidere se è il caso di eseguire esami diagnostici.
Resto a sua disposizione!
Cordiali saluti!
MARCO BACOSI MD PhD
Spec. in Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva
Dott. di Ricerca in Fisiopatologia Chirurgica e Gastroenterologia

[#2] dopo  
Utente
Grazie infinite dr. Bacosi.
In effetti è proprio la aspecificità del marker e la sua inattendibilità come sintomo di neoplasia a mettermi ansia!
Seguirò il Suo consiglio e mi rivolgerò ad un gastroenterologo, ma nel frattempo posso approfittare e chiederLe quale tipo di infezione potrebbe determinare un aumento del CA 19.9?
Potrebbe essere legato anche a patologie a carico del pancreas?
Grazie mille per la cortese ( e rapidissima) risposta

[#3]  
Dr. Marco Bacosi

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
POMEZIA (RM)
ROMA (RM)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2012
Il dosaggio di questo marcatore è elevato in una percentuale variabile tra il 70 e il 95% dei pazienti affetti da tumore al pancreas.
Può, però, essere più alto della norma anche in altre malattie o tumori:

il tumore del colon-retto,
il tumore al polmone,
il tumore alla cistifellea,
l’ostruzione dei dotti biliari (ad esempio causata dai calcoli),
la pancreatite,
la fibrosi cistica,
le malattie del fegato.
MARCO BACOSI MD PhD
Spec. in Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva
Dott. di Ricerca in Fisiopatologia Chirurgica e Gastroenterologia