Utente
Buongiorno, chiedo aiuto per mio figlio, 17 anni.

Circa 1 anno e 1\2 fa in seguito ad un pranzo con gli amici in cui, senza un apparente motivo, ha sentito il bisogno di vomitare.
Da quell’episodio ha cominciato a temere di vomitare in tutte quelle situazioni di socialità (amici, parenti, natali, feste) in cui avrebbe rischiato di fare una brutta figura.

Solo in queste occasioni i suoi sintomi sono: ansia, agitazione, eruttazioni, sbadigli, un peso sullo stomaco che preme per uscire, ma poi il vomito si riduce ad emissione di muco o catarro.

Di cosa può trattarsi: solo ansia o potrebbe essere un inizio di gastrite e/o reflusso.

Mi preme sottolineare che in assenza di situazioni stressanti non lamenta nessun fastidio, anche se il suo appetito si è molto ridotto.

Grazie dell’aiuto

[#1]  
Dr. Marco Bacosi

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
POMEZIA (RM)
ROMA (RM)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2012
Ansia.
Prima che diventi patologica faccia aiutare da uno psicologo.
Per completezza, onde escludere una componente organica, lo faccia controllare da un gastroenterologo.
Cordialmente.
MARCO BACOSI MD PhD
Spec. in Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva
Dott. di Ricerca in Fisiopatologia Chirurgica e Gastroenterologia

[#2] dopo  
Utente
Grazie Dottore , avevo pensato ad un consulto con uno psicologo ma mio figlio è molto reticente al riguardo.

Posso nel frattempo dargli qualcosa che gli allenti un po’ l’ansia?
Anche perché Quando si tratta di incontrare un amico o fare qualcosa , dopo che supera il primo impatto ( e quindi il suo attacco di vomito ) questa sua ansia passa e si gode comunque l’uscita.

Grazie

[#3]  
Dr. Marco Bacosi

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
POMEZIA (RM)
ROMA (RM)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2012
Non si danno terapie via web....
MARCO BACOSI MD PhD
Spec. in Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva
Dott. di Ricerca in Fisiopatologia Chirurgica e Gastroenterologia