Utente 608XXX
Buonasera, mia madre ha 76 anni e nell'ultimo anno cade a terra con una frequenza preoccupante. Premetto che proprio in occasione di una caduta le è stata fatta più volte la TAC al cervello e non si sono avute risultanze di alcun tipo.
Oggi è caduta per l'ennesima volta, ci ha raccontato che le sue gambe andavano "troppo veloci" e che non riusciva a fermarle, fino a che ne ha perso il controllo cadendo e facendosi male al volto. La volta scorsa riferiva di gambe che "andavano all'indietro".
Le abbiamo anche fatto fare dei controlli alle orecchie, pensando a problemi dell'equilibrio, ma è tutto a posto.
Francamente non sappiamo più cosa pensare e quale potrebbe essere il genere di accertamenti verso cui dovremmo volgere l'attenzione, certo è che finora le è andata fin troppo bene, visto che non si è procurata danni gravi, ma a questo punto vorrei se possibile un consiglio, tutta la famiglia inizia ad essere seriamente preoccupata.
Grazie per l'attenzione

[#1] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Gentile Utente,

mi pare che la cosa più indicata sia una visita neurologica considerato che le cadute frequenti possono essere un segno precoce di alcune malattie neurologiche. Eventuali accertamenti saranno richiesti dallo specialista in modo mirato ai riscontri della visita e se ritenuti utili.

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro

[#2] dopo  
Utente 608XXX

Grazie Dottore, tendevo ad escludere la visita neurologica visti gli esiti negativi delle TAC, ma provvederemo sicuramente.

Grazie e saluti cordiali

[#3] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

in diverse malattie degenerative del sistema nervoso centrale la TC è negativa, è più indicata la RM ma a volte anche questa potrebbe risultare negativa, pertanto la visita diventa necessaria.

Cordialmente
Dr. Antonio Ferraloro