Utente 763XXX
Gentili dottori, scrivo per avere delle informazioni riguardo all'utilizzo di farmaci per disturbi del sonno di mia nonna che ha 90 anni.
Nonostante le due cadute avvenute di notte, in cui ha riportato la frattura del femore e della clavicola, continua ad alzarsi 2-3 volte di notte per andare in bagno (luogo dove sono avvenute le cadute); questo nonostante le si metta il panno e ci sia la vicinanza di una persona che le dorme di fianco.
Il problema è stato inizialmente risolto con il farmaco Xerpax che però non ha più l' effetto iniziale.
Ora le è stato prescritto il Seroquel (25 mg) dal medico curante che sostituisce momentaneamente la dottoressa che l'ha in cura.
Inoltre prende altri farmaci: Norvasc, Microser, Cardioaspirina e applica alla sera il cerotto Nitroderm.
La prescrizione di Seroquel sembra adatta?
Ringrazio anticipatamente.
Distinti saluti.

[#1] dopo  
Dr. Antonio Manucra

24% attività
0% attualità
8% socialità
BOBBIO (PC)

Rank MI+ 32
Iscritto dal 2008
Gentile utente da quanto scrive apprendo che:
1) la nonna ha dei risvegli notturni a causa di nicturia (minzione nelle ore notturne)
2) non parla di agitazione nè di allucinazioni
3) la nonna è una cardiopatica (Norvasc,cardioaspir e nitroderm).

Mi permetto di consigliarle quanto segue (con i limiti di consulto a distanza): la nonna è caduta recendosi in bagno per mingere, probabilmente una correzione terapeutica, magari con l'aggiunta di un diuretico nelle ore diurne, potrebbe ridurre lo stimolo notturno limitando il rischio di caduta.
Sarebbe altresì utile una deplezione del sonno nelle ore diurne.Il Seroquel (antipsicotico) è utile nel momento in cui si accompagna una sintomatologia caratterizzata da allucinazioni o agitazione.
La saluto cordialmente.
Dr. Antonio Manucra
Dirg. Med. AUSL PC
Specialista in Geriatria e Gerontologia.