Utente 206XXX
Buongiorno,

mia moglie dopo un paio di giorni di ritardo ha effettuato per due volte il test di gravidanza, entrambe le volte con esito positivo. Dopo altri due giorni pero' si e' accorta di avere delle scarse perdite ematiche di color rosso scuro; le perdite non sono abbondanti, ci sono in alcuni momenti specifici e poi basta. Ci siamo recati al pronto soccorso dove non ci hanno saputo dire nulla sullo stato della gravidanza, essendo solo (allora) alla 4a settimana; hanno pero' consigliato riposo e una visita ginecologica, visita che verrà fatta questa settimana (ovvero a 6 settimane).

Potreste dirmi secondo voi se sono normali queste perdite e a cosa possono essere dovute? Capisco che il ginecologo chiarirà tutto, ma... sono un po' ansioso e vorrei un vostro parere. Grazie 1.000

[#1] dopo  
1125

Cancellato nel 2011
Gentile signore,
durante le prime settimane di gravidanza piccole perdite ematiche possono verificarsi e sono per lo più dovute all'impianto, ovvero all'erosione della placenta che deve impiantarsi all'interno della cavità uterina. In alcuni casi possono comparire anche piccoli crampi mestruali dovuti a contrazioni dell'utero. Le consiglio di sottoporre sua moglie a dosaggio plasmatico della beta-hCG, da ripetere a distanza di 3 giorni per verificare il corretto innalzamento di questo ormone. La terapia per queste perdite è sicuramente il riposo, e in alcuni casi può rendersi necessario una fiala intramuscolo di PRONTOGEST (1/DIE)per 7 giorni, tuttavia prima di intraprendere questa terapia è necessario rivolgersi al proprio ginecologo di fiducia. In bocca al lupo.
Cordiali saluti.
Dott. Fabio Pietroluongo.

[#2] dopo  
Utente 206XXX

La ringrazio della cortese risposta.
Purtroppo ci sono novità.

Ieri ci siamo recati, come anticipatoLe, dal ginecologo. Mia moglie a oggi (anzi, ieri) è alla 6+2 settimana. Il ginecologo ha effettuato una ecografia, dalla quale ha potuto vedere il sacco gestazionale che ha definito "deteso", sgonfio, quasi ripiegato su se stesso, e senza presenza battito. Cio' nonostante le dimensioni sembrano quelle di una donna alla 6a settimana, stando a lui: 1.8 cm. Pero', sempre stando alle sue parole, gli e' sembrato strano in quanto avrebbe dovuto vedere un sacco pieno, gonfio, in evoluzione, e così non e' stato.

A questo punto io non ci capisco piu' niente; questa notte nessuno dei due ha dormito, e non so come potremo riprendere il lavoro.

Il ginecologo ci ha suggerito di ripetere una eco conclusiva fra 7 giorni. Infatti, abbiamo ripetuto anche lì il test di gravidanza che, tanto x cambiare, ha dato esito positivo...

Quindi in sintesi la storia:
* a 4+2 mia moglie fa il test (2 volte): positivo
* a 4+4 perdite ematiche: pronto soccorso, dove non si "vede nulla" e si consiglia eco 7 giorni dopo
* a 5 o 5+1 (non ricordo) mia moglie rifa il test: positivo
* ieri (6+2) test positivo, ma dalla eco risulta sacco "deteso"....

L'unica possibilità (viene in mente a me) e' che ci sia stato aborto nell'ultima settimana (il test di ieri sarebbe positivo per via degli ormoni ancora in circolo) ma mia moglie non ha avvertito ASSOLUTAMENTE nessun sintomo (ne' altre perdite, ne' nausea, ne' grossi dolori, ecc.).
L'altra possibilità e' che mia moglie sia effettivamente incinta (e lo spero davvero), ma non capisco allora la eco di ieri...
Peraltro nella prima ipotesi (aborto) il ginecologo ha addirittura ipotizzato un raschiamento per non comprometterela situazione...

La prego: puo' darmi un suo parere in merito? Stiamo impazzendo entrambi, e non esagero...
Grazie infinite e cordiali saluti.

[#3] dopo  
1125

Cancellato nel 2011
Gentile signore,
l'ecografia che ha effettuato il 17 febbraio evidenziava un sacco gestazionale deteso, comunque non regolare. A volte può succedere che la gravidanza non si formi correttamente nelle prime fasi e talvolta le perdite ematiche possono essere una spia di questo processo. Le consiglio di effettuare 2 prelievi di beta-hCG a distanza di 3 giorni per seguire l'aumento dell'ormone prodotto dalla gravidanza, infatti questo è l'unico modo per avere informazioni sulla gravidanza in atto in assenza di un riscontro ecografico attendibile. Si faccia coraggio e soprattutto stia vicino a sua moglie.
Distinti saluti.

[#4] dopo  
Dr. Giampiero Pepe

20% attività
0% attualità
0% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 20
Iscritto dal 2001
Gentile signore,
le rispondo dal sito di medicitalia. Quanto suggeritole dal collega Pietroluongo è assolutamente corretto. In casi come questo la cosa più importante è il riposo, la terapia (progesterone), il dosaggio seriato della betaHCG (ogni 3 giorni) e il controllo ecografico a 7 gg. di distanza dal controllo precedente (possibilmente per via vaginale a vescica urinaria vuota). Nel caso la situazione fosse evoluta o dovesse evolvere in aborto, le consiglio, per la prossima volta, di eseguire tutta una serie di accertamenti di laboratorio finalizzati ad individuare e correggere alcune possibili cause di arresto evolutivo della gravidanza precoce. Cordiali saluti.
Dott. Giampiero Pepe
INFOline 333 800 2002
Dr Giampiero Pepe
Ginecologia e Ostetricia
Andrologia Riproduttiva
Medicina Legale

[#5] dopo  
Utente 206XXX

Ringrazio sia il dr. Pepe che il dr. Pietroluongo per la cortesia con cui hanno risposto al mio quesito.
Mi stupisco di come il ginecologo da cui ci siamo recati, pur essendo stimato come uno dei "migliori della zona" da molte nostre amiche comuni, ci abbia liquidato dopo un quarto d'ora di visita senza averci detto una parola circa le possibilità che voi avete descritto.
Del semplice, banale ma attendibile direi esame del sangue per la bHCG (scusate non sono un medico quindi mi esprimo non correttamente) per verificarne i valori, ne scopro l'esistenza solo leggendo le vostre risposte...

Tutto quello che il dottore da cui siamo andati ha saputo dire, oltre a quanto gia' da me scritto sopra, è sostanzialmente: "il quadro non e' chiaro, ritornate fra una settimana per una eco di verifica". Sì ma... NEL FRATTEMPO????

Della terapia che avete consigliato, nemmeno una parola.
Così come nemmeno una parola di conforto; d'accordo, un ginecologo non e' uno psicologo, ma e' pur sempre un essere umano... dovrebbe accorgersi di certe situazioni.
Forse e' anche per questo che siamo così amareggiati e demotivati.
Vedremo... vi scrivero' qui l'esito della prossima eco, penso sia intorno a martedì / mercoledì della prossima settimana.

Grazie ancora.