Utente 484XXX
Buonasera , ho un problema che mi affligge da diversi anni ormai : non ho più sensibilità al clitoride. Quando ero più piccola mi masturbavo in modo davvero eccessivo ( anche tre volte al giorno ) ed ero dipendente dalla pornografia , (tutto questo mi faceva sentire molto in colpa ma purtroppo non riuscivo proprio a fermarmi !) i miei orgasmi all'inizio erano molto intesi , poi pian piano il piacere che provavo è andato a diminuire sempre di più , fino a scomparire del tutto. Ora come ora non sento più nulla nè da sola nè con il mio ragazzo , mi sembra addirittura di non avere più il clitoride , non lo sento più eppure è sempre lì, può darsi che la masturbazione eccessiva abbia in qualche modo danneggiato i nervi ? Sono stata da diversi ginecologi fino ad ora che mi hanno detto che è tutto a posto , secondo loro il problema è psicologico ...a me sembra molto strano , non riesco a crederci e preferirei prima consultare un neurologo piuttosto che un sessuologo. Secondo voi a cosa può essere dovuto ? Ho davvero tanta paura e spero vivamente ci sia una soluzione a questo problema ... Non riesco più a vivere serena e ho tanto paura che il mio ragazzo stufo di questa situazione mi lasci ( è da quando la sensibilità mi é scomparsa del tutto che non abbiamo più rapporti , prima un po' di piacere riuscivo a provarlo ma ora non più , é stata una perdita graduale...come ho già detto non è colpa sua , è un problema che ho anche da sola )

[#1] dopo  
Dr. Lucia Vecoli

Referente scientifico Referente Scientifico
44% attività
20% attualità
20% socialità
LUCCA (LU)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2014
Gent. Sig., il piacere femminile è un argomento molto delicato. L'eccitazione e l'orgasmo femminile risentono di molti fattori. In soggetti giovani e sani è di importanza fondamentale la componente psicologica. Talvolta si instaurano dei veri e propri "blocchi" che solo un esperto può inquadrare sul piano eziopatogenetico e rimuovere. Concordo con i ginecologi che ha consultato che, in assenza di patologie organiche, l'unico rimedio è consultare uno psicologo, specializzato magari in sessuologia. Cordiali saluti.
Dr. Lucia Vecoli

[#2] dopo  
Utente 484XXX

La ringrazio di cuore per la sua risposta , se anche lei concorda con i medici che mi hanno visitato in precedenza allora molto probabilmente la natura neurologica del problema è da escludere. Mi ha rincuorato davvero tanto !