Attivo dal 2017 al 2019
Gentilissimi dottori,
avrei bisogno di un vostro parere. Sono una ragazza di 22 anni. Mi hanno diagnosticato la sindrome dell'ovaio policistico a 15 anni.
Ho sempre avuto algia in fossa iliaca destra e questo mi ha portato a fare altri controlli dal quale è emerso un corpo luteo emorragico. Nei diversi episodi vi è stato versamento, in altri nulla.
Non mi è mai stata data una cura di nessun tipo, se non integratori a base di inositolo come chirofert o kirocomplex.
In caso di dolori forti intervengo con antidolorifici e cerco di contrastare I sintomi come meglio posso.
Da qualche tempo a questa parte però questa situazione mi sta creando "disagio" a livello di coppia.
Durante I rapporti con il mio ragazzo avverto forti dolori al basso ventre tanto da avere nausea e tipo una mancanza di forze.
Sono certa non sia una causa psicologica in quanto sono a mio agio con il mio lui ed è comunque molto piacevole.
Durante la varie visite mi è stato anche detto di avere l'utero retroverso e so che potrebbe essere causa di dispareunia.
Potreste darmi un vostro parere a riguardo? Com'è possibile identificare la causa? Ed eventualmente vi è una terapia per affrontare tale situazione?
Ringrazio in anticipo.

[#1]  
Dr. Nicola Blasi

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
BARI (BA)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Se i dolori insorgono durante il rapporto , in particolari posizioni, tutto ciò è e legato alla retroversione uterina .
Se mi conferma che non sempre si verifica duranti i rapporti , allora possiamo legare il dolore al contatto ,quasi diretto, del corpo uterino con il pene (attraverso la parete vaginale).
Altrimenti è importante escludere fattori vaginali (infezioni, secchezza vaginale) o fattori cervicali (cerviciti ) .
SALUTI
dott.Nicola Blasi
specialista in Ginecologia e Ostetricia. Patologia Cervico-vaginale e vulvare.

BARI

[#2] dopo  
Attivo dal 2017 al 2019
La ringrazio molto per la sua risposta dottore. I dolori sono sempre presenti. Aumentano notevolmente in determinate posizioni tanto da essere costretta a fermarmi.
Esiste una soluzione a questo problema? Cosa mi consiglia di fare?
Ringrazio ancora.

[#3]  
Dr. Nicola Blasi

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
BARI (BA)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Le ho detto che bisogna escludere le altre cause con visita e ecografia
dott.Nicola Blasi
specialista in Ginecologia e Ostetricia. Patologia Cervico-vaginale e vulvare.

BARI