Utente 360XXX
Gentile Dottore

Presento denti perfetti esteticamente ma di profilo ho la mascella protrusa e la mandibola arretrata.
Mi mancano i settimi molari da quando avevo 12 anni e ho entrambi i denti del giudizio.
Mastico prevalentemente a destra in quanto ho spesso fitte alla mandibola nella parte sinistra e uno strano clic soprattutto quando mastico. Non posso aprire molto la bocca e spesso avverto sensazione di rigidità dei muscoli facciali. Ho talvolta dolore ai muscoli del collo e delle spalle.
Volevo gentilmente chiederle quali esami fare per scoprire l'entità del mio problema e nello specifico quali esami fare per vedere se la mandibola è semplicemente retroposta o è scheletricamente ridotta rispetto alla mascella.
Nel caso sia solo retroposta quale è la causa?
Quali altri esami devo fare per scoprire se i dolori sono dovuti a un problema dell'articolazione?
In caso di tratti di un problema scheletrico devo rivolgermi a un chirurgo o si può risolvere ugualmente con un bite?
Se non è un problema scheletrico esistono degli "attacchi " in cemento per ripristinare l'occlusione senza ortodonzia?

La ringrazio in anticipo per la sua risposta

Cordiali Saluti

[#1] dopo  
Dr. Edoardo Bernkopf

Referente scientifico Referente Scientifico
44% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
PARMA (PR)
VICENZA (VI)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2008
Gentile Paziente, questo argomento prevede un approccio essenzialmente clinico (occhi e mani dell’operatore) , e anche le scelte terapeutiche sono in gran parte individuali: ogni gnatologo, oltre a tener conto ovviamente del caso che tratta, segue le indicazioni della propria scuola e della propria esperienza, anche nelle caratteristiche tecniche e costruttive di un bite.
Eventuali approfondimenti possono essere richiesti dallo gnatologo dopo la visita, anche se, nel suo caso e letta la descrizione della sua situazione, le suggerirei di effettuare in anticipo una teleradiografia del cranio in proiezione latero-laterale e una ortopantomografia.
In malocclusione si nasce, ma nell'arco della vita si può aggravare per decorso naturale o per vari motivi , ad esempio traumatici.
Se sarà necessario il coinvolgimento del chirurgo non si uò dire senza poter vedere il caso, così pure per le scelte terapeutiche.
La cosa importante é che il dentista-gnatologo sia veramente esperto in problemi dell’Articolazione Temporo Mandibolare (ATM), e soprattutto nei rapporti fra ATM ed orecchio: non tutti i dentisti amano coltivare questa sottospecialità.
Cordiali saluti ed auguri
Dr. Edoardo Bernkopf-Roma-Vicenza-Parma
Spec. in Odontoiatria, Gnatologo- Ortodontista
www.studiober.com edber@studiober.com