Utente 415XXX
Buongiorno a tutti i medici, da sempre ho problemi di postura cioè iperlordosi, ipercifosi, scapole alate e leggera scoliosi. Ho fatto per anni ginnastica posturale con scarsi risultati. Da poco sono seguito da uno gnatologo che mi ha fatto un bite. Lo porto da 1 mese e mi è migliorato lo scrocchio della mandibola, la tensione che avvertivo al collo ecc. Spero di migliorare anche la postura, ma scrivo questo per un altro motivo, cioè io ho una asimmetria del viso che mi fa un po' stare a disagio tra la gente... ho gli occhi non allineati (uno più alto e uno più basso), lo stesso mi sembra per le orecchie e ho una deviazione della mandibola. Vorrei sapere cosa devo fare per risolvere questa asimmetria? Esistono interventi chirurgici apposta? Grazie!

[#1] dopo  
Dr. Edoardo Bernkopf

Referente scientifico Referente Scientifico
44% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
PARMA (PR)
VICENZA (VI)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2008
Gentile Paziente, un certo grado di asimmetria può anche essere normale: mi sembra però che nel suo caso la situazione sia un po’ più accentuata.
Nel caso del viso è evidente che il problema può almeno in parte essere legato alla conformazione e alla postura della mandibola, che individua anche esteticamente le caratteristiche del terzo inferiore della faccia.
Nell’adulto è possibile che la mandibola, anche a seguito di una crescita sbilanciata, abbia effettivamente un certo grado di asimmetria anatomica, che solo per via chirurgica può essere corretta,
Tuttavia alla quota anatomica si somma solitamente anche una quota posturale di laterodeviazione, spesso preponderante nel risultato estetico: questa puòn essere corretta anche con tecnbiche conservative di tipo ortodontico.
Il primo passo è effettivamente l’applicazione di un bite , cosa che lei sta effettivamente facendo. La prescrizione di un bite, in un caso come il suo infatti è corretta, ma dire "un bite" é come dire "una pillola" : rappresenta un trattamento assolutamente individuale i (diffido dei preconfezionati che si vendono in farmacia), e , come una pillola consiste nello sbocco terapeutico di una diagnosi che deve essere corretta, e corretta deve essere anche la modalità di assunzione, (e solo a queste condizioni la pillola può risolvere la patologia), così il bite rappresenta la configurazione tecnica e artigianale di un ragionamento diagnostico e di una ipotesi terapeutica formulata dal dentista-gnatologo che lo prescrive e fa realizzare: è quest’ultima, cioè la prestazione culturale che il paziente acquista, non l'oggetto artigianale che qualunque tecnico realizza in un'ora di lavoro, e che è di infimo valore venale se disgiunto dalla prima.
Bisognerebbe capire qual è lo scopo del bite che le è stato prescritto, e come il Collega intenda procedere in futuro: lei è al corrente del piano di trattamento complessivo?. Il bite in un caso come il suo costituisce solo una terapia iniziale, una via di mezzo fra la conferma diagnostica e una prima terapia. E' del tutto evidente che, rimosso il bite , di giorno se prescritto per la sola notte, come anche rimosso definitivamente dopo mesi, il paziente é esattamente come quando ha cominciato: il bite costituisce solo una terapia iniziale di una disfunzione dell'Articolazione Temporo Mandibolare (ATM). Successivamente si dovrà provvedere ad una riabilitazione ortodontica, protesica o mista che confermi il risultato ottenuto con il bite, oppure proseguire, come compromesso, con il bite a vita.
Relativamente ai suoi problem i posturali, può trovare qualche notizia utile aprendo questo link:
http://www.studiober.com/patologie/occlusione-e-postura/
Le suggerirei anche di dare un'occhiata all’articolo linkato qui sotto.
Cordiali saluti ed auguri.

www.studiober.com/pdf/Cefalea_Otite_Cervicalgia.pdf
Dr. Edoardo Bernkopf-Roma-Vicenza-Parma
Spec. in Odontoiatria, Gnatologo- Ortodontista
www.studiober.com edber@studiober.com

[#2] dopo  
Utente 415XXX

Grazie mille della risposta dottore, interessante anche il suo articolo. Comunque diciamo che io mi sono rivolto ad uno gnatologo e questo bite è stato fatto appunto per correggere la malocclusione, la deglutizione atipica e in teoria anche la colonna vertebrale. Non so darle informazioni sul bite perchè non me ne intendo, e con lo gnatologo non ci siamo nemmeno accordati per il post bite. Infine, secondo lei la mandibola tornerà simmetrica dopo aver usato il bite, e aver fatto una terapia post bite? (Io ho sentito parlare di tecnica meaw, è appropriata per concludere il lavoro dopo il bite?) Per via dell'asimmetria degli occhi invece si può fare qualcosa?

[#3] dopo  
Dr. Edoardo Bernkopf

Referente scientifico Referente Scientifico
44% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
PARMA (PR)
VICENZA (VI)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2008
Come le ho scritto, Il bite in un caso come il suo costituisce solo una terapia iniziale, una via di mezzo fra la conferma diagnostica e una prima terapia......Successivamente si dovrà provvedere ad una riabilitazione ortodontica, protesica o mista che confermi il risultato ottenuto con il bite.
La tecnica meaw è una tecnica ortodontica, che può dunque inserirsi nello schema in 2 tempi di cui sopra.
A mio parere, però, se non si ottiene un risultato soddisfacente con il bite , non é prudente proseguire con trattamenti irreversbili quale quello ortodontico, che difficilmente potrebbero portare ad ulteriori miglioramenti.
Cordiali saluti ed auguri.
Dr. Edoardo Bernkopf-Roma-Vicenza-Parma
Spec. in Odontoiatria, Gnatologo- Ortodontista
www.studiober.com edber@studiober.com

[#4] dopo  
Utente 415XXX

Grazie