Utente 371XXX
Buongiorno,
sono affetto da deficit di glucosio-6-fosfato deidrogenasi (G6PDH quantitativo 0. 04 IU/l ).
Oltre a evitare di mangiare fave, devo stare attento anche nell'assumere alcuni farmaci.
Nel caso in cui mi dovessi recare per lavoro in località dove la Malaria è endemica, e nel malaugurato caso dovessi contrarre la Malaria, ci sono dei medicinali che posso assumere che non vadano a interferire con il favismo?

Grazie anticipatamente per la risposta.

[#1] dopo  
44918

Cancellato nel 2018
Gentile Signore,
purtroppo per il deficit di G6PDH non esistono farmaci antimalarici assolutamente sicuri ed esenti dal rischio di crisi emolitiche.

Forse la prevenzione primaria, evitando aree a endemia malarica, sarebbe se possibile la scelta più saggia.

l'ISS ha fatto un elenco di farmaci che possono essere assunti, a dosi terapeutiche, con rischio basso o accettabile. E comunque sempre sotto controllo medico.

Tra gli antimalarici:
-Chinina
-Pirimetamina
sono considerate a basso rischio a dosaggio terapeutico

- Clorochina
è considerata a rischio alto ma può essere usata sotto stretta sorveglianza medica sia nella profilassi che nella terapia.

-Clorguanidina
vale lo stesso discorso fatto per la clorochina.

Spero di esserle stato utile.
Se vuole, mi faccia sapere.
Cordialità.




Dr. Vincenzo Caldarola.
Medico - Chirurgo.

[#2] dopo  
Utente 371XXX

Grazie Mille Dottore per la risposta.

Mi corregga se sbaglio, la malaria non è uguale in tutte le aree ma viene provocate da quattro specie di Plasmodium: falciparum, vivax, ovale e malariae.

I medicinali che mi consiglia possono essere assunti indistintamente per tutte le forme di plasmodio?

Grazie tante per la disponibilità.

[#3] dopo  
44918

Cancellato nel 2018
Gentile Signore,
in genere la forma più aggressiva è sostenuta dal P. Falciparum.
La sensibilità di questo può variare nelle regioni endemiche fino ad arrivare alla resistenza a uno o più farmaci.
E' bene che si informi dunque prima di partire.

Le rammento che la chemioprofilassi integra ma non sostituisce le misure precauzionali che devono essere assolutamente osservate per rendere improbabile la puntura della zanzara (repellenti, zanzariere, insetticidi, letti adeguatamnte protetti ecc)

Buon viaggio!
Cordialità.
Dr. Vincenzo Caldarola.
Medico - Chirurgo.