Utente 112XXX
buongiorno,
sono un ragazzo di 25 anni, lavoro in un azienda alimentare e ci hanno fatto le analisi del sangue di controllo, di cui di invio sotto i risultati, se devo mettere anche le unità di misura (qualora non dovessere essere universali) avvisatemi pure. Il fatto è che la sera dello stesso giorno in cui ho fatto il prelievo mi è venuta la febbre e sono stato a letto con 38 di febbre per un paio di giorni, credo sia dovuto al fatto che essendo anche studente, per lo studio ho dormito solo 3 ore a notte nell'ultima settimana oltre a non mangiare quasi niente! è possibile che quei valori siano dovuti all'abbassamento delle difese immunitarie per la carenza di sonno e cibo e infatti poco dopo mi sono ammalato? oppure devo sospettare la possibilità di contagio HIV dato che nell'ultimo anno ho avuto due rapporti senza protezione con partner occasionali? a tal proposito vorrei chiedere se è normale che l'HIV innalzi i valori dei neutrofili e del linfociti dato che da quello che so, li dovrebbe abbassare. Vi ringrazio della disponibilità


globuli bianchi 12 10^9/L *
globuli rossi 5,66
emoglobina 17,1
ematocrito 47,7
MCV 84,3
MCH 30,2
MCHC 35,8
RDW 12,1
pastrine 219
MPV 10,7
neutrofili 72,8%
linfociti 19,3% *
monociti 7,3%%
eosinofili 0,4% *
basofili 0,2%

neutrofili 8,7 10^9/L *
linfociti 2,3 10^9/L
monociti 0,9 10^9/L *
eosinofili 0 10^9/L
basofili 0 10^9/L

S-glucosio 73
s-creatinina 1,06
s-aspartato aminotransferasi 29
s-alanina aminotransferasi 34
s-gammaglutamiltransferasi 17

s-anticorpi anti HCV negativo
sono negativo anche al test di Mantoux

PS so che la diagnosi da HIV è solo sierologica, ma vorrei capire se questo quadro centri qualcosa con l’HIV

[#1] dopo  
Dr. Arduino Baraldi

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
8% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 76
Iscritto dal 2006
Il suo quadro è correlabile soltanto con un processo infiammatorio infettivo, per l'aumento di bianchi e neutrofili. NIente di più tanto che dopo l'esame ha avuto la febbre. Riguardo l'HIV l'eventuale aumento di linfociti o neutrofili c'entra poco con la malattia tanto che l'indice di maggiore affidabilità riguarda il calo dei CD4.

C'è poi da dire che la sieropositività si evidenzia soltanto con gli esami sierologici e con nessun altro esame.

Ricordi, comunque, per sua informazione, di avere sempre e soltanto rapporti protetti con partners occasionali
Un saluto

A. Baraldi

[#2] dopo  
Utente 112XXX

la ringrazio Dottore, e dalle analisi a che livello si può dedurre si trovino i CD4?

grazie ancora

[#3] dopo  
Dr. Arduino Baraldi

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
8% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 76
Iscritto dal 2006
Le sue analisi non comprendono il valore CD4 che si può avere soltanto facendo una tipizzazione linfocitaria, ma credo proprio che nel suo caso siano normali
Un saluto

A. Baraldi