Utente cancellato
Buongiorno,

ho 31 anni ed ho contratto nel mese di novembre 2006 la mononucleosi infettiva.
Essendomene accorto solo nel gennaio di quest'anno, l'ho trasmessa anche alla mia compagna, che ha manifestato proprio in questi giorni i sintomi della malattia.
Le nostre analisi del sangue hanno dato i seguenti risultati:
Anti EBV VCA IGm 159 per me
Anti EBV VCA IGm 80 per la mia compagna.
Tutto il resto negativo, eccezion fatta per la transaminasi:
ALT 188
AST 140
solo per la mia compagna
Desidero avere informazioni riguardo all'infettività della malattia:
- Io non accuso più sintomi e mi sento bene, ma posso ancora infettare altre persone?
- La mia compagna, agli esordi della malattia, può infettarmi nuovamente a sua volta, e io lei?
- Fino a quando si rimane infettivi? (Bisogna aspettare che le IGm siano negative e diventino positive le IGg?).
- E' vero che esistono farmaci omeopatici che permettono di eliminare il virus?

Noi abbiamo inoltre una bambina di 20 mesi circa, che ad ottobre 2006 ha avuto necessità di un ricovero ospedaliero per 1 settimana circa; le è stata riscontrata una leggera forma di epatite (così ci è stato riferito dai medici), mentre è risultata negativa al test EBV.
Chiedo:
-E' possibile che anche nostra figlia abbia fatto la malattia ma, possedendo gli anticorpi dalla nascita, il virus le abbia toccato solo il fegato risparmiando il sistema immunitario e abbia fuorviato la diagnosi dei medici?


Grazie per l'attenzione.
Lorenzo


[#1] dopo  
Prof. Matteo Bassetti

24% attività
0% attualità
8% socialità
UDINE (UD)
GENOVA (GE)

Rank MI+ 32
Iscritto dal 2001
Per il suo caso credo che sarebbe bene valutare attentamente esami e pazienti. Cosa impossibile per internet.
La invito quindi a prendere un appuntamento con uno specialista infettivologo per discutere di persona questi problemi.
Cordiali saluti
Matteo Bassetti

[#2] dopo  
24296

dal 2007
Le informazioni che ho richiesto sono generali, necessitano di preparazione e cultura sulla malattia.
Per fortuna stiamo tutti bene, proprio perché mai abbiamo pensato di curarci tramite internet, ma abbiamo preso le opportune precauzioni.
Se Lei non è in grado di fornire queste informazioni "generiche", richieste a puro titolo informativo, faccia a meno di rispondere, perché così fa solo perdere tempo e fa venire da ridere, al sottoscritto e a quelli che leggono le sue risposte.