Utente 135XXX
Salve, innanzitutto ringrazio tutti voi dottori per la vostra disponibilità, e vi chiedo la cortesia di darmi una risposta un po' meno esauriente delle altre siccome sono molto agitato e ho bisogno di una risposta chiarificatoria a tutte le mie domande... Comincio raccontando il mio problema... Verso la fine del periodo estivo alla mia ragazza è stato riscontrata la clamidia facendo il tampone. Per eliminarla ha seguito la cura con lo zitromax: 2 pillole il primo gg e altre 2 pillole dopo 20 giorni... Intanto io pur non sapendo se avessi o meno la clamidia avevo seguito la cura con il ciproxin poiche' sono allergico all'eritrocina prendendo 2 confezioni in 6 gg durante il periodo della sua cura con lo zitromax. (e dopo 30 giorni io avrei dovuto ripetere la cura con il ciproxin per la recidiva...) In questo periodo abbiamo avuto solo un rapporto sessuale con il preservativo. Successivamente siccome la clamidia alla mia ragazza non è andata via con lo zitromax, le hanno dato il bassado da prendere x 20 gg mi sembra... al suo secondo giorno di cura abbiamo avuto un rapporto sessuale e si e' rotto il preservativo. Da li' non abbiamo avuto piu' un rapporto sessuale con contatto diretto. Lei ha continuato la cura con il bassado ed io ho fatto quella seconda cura di ciproxin siccome erano passati i 30 giorni. Qualche giorno fa lei ha fatto il tampone e la clamidia non le si e' tolta. Io ho finito la cura con il ciproxin una settimana fa e adesso vorrei fare l'urinocoltura perche' ho il terrore di fare il tampone, non ce la faccio. In seguito all'esperienza che ho raccontanto avrei delle domande da fare:
1)che percentuale di garanzia ha l'urinocoltura di trovare il virus? posso evitare di fare il tampone?
2)cosa dovrebbe fare la mia ragazza, ripetere la cura con il bassado oppure provare a cambiare cura e quale??
3)premesso che ovviamente finche' la clamidia non verra' eliminata non avremo rapporti con penetrazione, è rischioso fare petting (ovviamente lavandosi prima le mani con l'amuchina)?
4)siccome alla mia ragazza la clamidia non le si e' tolta con cure decisamente piu' potenti della mia, è possibile che anche io abbia ancora la clamidia oppure con la cura del ciproxin potrebbe essersi tolta? (nel senso, una clamidia che non va via dipende dalle difese del soggetto che la subisce oppure dalla potenza dell'infezione? c'e' quache probabilita che a me con il ciproxin possa gia' essersi tolta??)
5)se gli slip vengono lavati normalmente in lavatrice, il virus non resta giusto? grazie a voi per la disponibilita, grazie infinite...

[#1] dopo  
Dr. Mario Corcelli

52% attività
8% attualità
20% socialità
MILANO (MI)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2009
Gentile Utente,

la Chlamydia non è un virus ma un batterio; purtroppo, essendo un batterio intracellulare, non è sempre agevole la sua eliminazione.

0) Su una eventuale ulteriore terapia da seguire, non posso darle online alcun consiglio, perché questo spetta ai suoi medici curanti.
Occorre preservare nella terapia proprio perché, come dicevo in premessa, a volte questa infezione non è agevole da eradicare.

1) se vuole essere più tranquillo faccia sia il tampone che l'urinocoltura. Ma vi sono anche altri tests di tipo sierologico anche se aspecifici (sul sangue dosaggio IgG e IgM), che potrà farsi consigliare dai suoi medici curanti.

2) per la sua ragazza, vale la risposta di cui al punto 0)

3) il petting non è rischioso, purché si segua una scrupolosa igiene delle mani prima e dopo.

4) se sia possibile che lei abbia ancora questa infezione, è difficile dirlo.

5) con il lavaggio della biancheria in lavatrice, mettendo a bagno previamente con candeggina, il batterio viene eliminato.

Corretta la decisione di evitare rapporti sessuali non protetti da profilattico, fino a quando nella coppia non si è sicuri che l'infezione sia stata debellata.

Cordiali saluti.
Mario Corcelli, MD
Milano - specialista Medicina Legale e Igiene-Tecnica Ospedaliera
http://www.medico-legale.it