Utente 207XXX
Scrivo in breve sintomi, visite effettuate e decorso del mio ragazzo.Pz, 30 anni.Insorgenza problematiche estate 2007.Sintomi:sudorazione notturna,febbricola,dolore alle articolazioni,(più accentuati al risveglio),mal di schiena,mal di testa(insopportab. con appannamento della vista).Il ricovero in Osped. ha evidenz. Eritema Nodoso,curato col cortisone.Estate 2008 nuovo ricovero,diagnosticato Eritema Nodoso Idiopatico,il pz rifiuta nuovo trattamento con il cortisone.Durante tali ricoveri effettuate innumerevoli analisi,dove risultano alterate:Beta2 microglobuline,Immunocomplessi circolanti,Quantiferon positivo e Lac positivo.Le altre analisi nella norma.Tac:linfonodi sottoclavicolari,risultato negativo all'ago aspirato.Ad oggi,maggio 2011,avendo dolori lancinanti alla schiena è stata(autonomamente)effettuata una RMN che ha evidenziato un'esagerata infiammazione del disco e spondilodiscite di D10 e D11.Abbiamo contattato un Neurochirurgo che ci ha inviati da un Infettivologo che ha prescritto nuove analisi e cura cortisonica prima dell'esito che avremo tra non meno di un mese.Abbiamo bisogno di aiuto,sono quattro anni che andiamo da un'ospedale all'altro senza avere risposte.Visto che nessuno ha preso a cuore il caso senza riuscire a capire da dove viene tutto questo malessere cos'altro possiamo fare per avere delle risposte e meglio ancora una diagnosi per poter prendere le giuste e dovute precauzioni rispetto ad un quadro clinico che peggiora nel tempo?Ci si chiede:dato che c'è concomitanza tra Eritema Nodoso e Spondilodiscite,perchè non vengono escluse determinate malattie?Aspettiamo fiduciosi un'indicazione in merito,ringraziamo anticipatamente.

[#1] dopo  
Dr. Luigi Mocci

40% attività
4% attualità
20% socialità
ALESSANDRIA (AL)
VALENZA (AL)
TORTONA (AL)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2005
Salve,
con quantiferon positivo e gli esami positivi e l'eritema nodoso e la sintomatologia che accusa direi che qualcosa, anzi più di qualcosa, c'è Tra l'altro l'eritema nodoso ci sta con patologie croniche infiammatorie.
Inutile dire che è idiopatico.
Le consiglio di iniziare un percorso spostandovi dal vostro luogo di residenza. Ci sono ottimi policlinici universitari che potrebbero darvi una mano in maniera più fattiva senza farvi peregrinare tra specialisti che vanno solo dello steroide.
Partirei da una consulenza o ortopedica o neurochirurgica nella quale lo specialista vi indicherà il prosieguo della strada "prendendosi a cuore" il caso, per usare un vostro termine.
Un caro saluto ed in bocca al lupo
Luigi Mocci MD

[#2] dopo  
Utente 207XXX

Egregio Dottore, grazie per l'interesse manifestato.
Vista l'attenzione prestata, ci permettiamo di entrare più nello specifico; magari può darci un consiglio più mirato.
Esordio estate 2007,ricovero in ospedale.Presunta diagnosi: Eritema Nodoso.(RX Torace; Ecografia Addominale Completo; Markers Epatite;Ves;PCR;ENA;ANA;Tampone faringeo,tutte negative.Mantoux positivo;ACE superiore alla media;Neflonometria:immunoglobuline IgA di molto inferiori alla media.Altre analisi nella norma). Dimesso con diagnosi di Eritema Nodoso idiopatico,cura cortisonica.Finita la cura l'eritema è regredito ed i sintomi persistono con febbricola continua.L'anno successivo i sintomi si sono accentuati con nuova insorgenza di eritema.Nuovo ricovero,stesso ospedale,con analisi più approfondite:Brucella;test HIV;complesso TORCH,negative.Quantiferon positivo;Beta2 Microglobulina,Immunocomplessi circolanti e Tas alterati:Visite: pneumologo;otorinolaringoiatra;dermatologo.Diagnosi Eritema Nodoso Idiopatico.Cura:cortisone.Autodimissioni e rifiuto della terapia perchè non convinto della diagnosi.Passati alcuni mesi,l'eritema regredisce senza farmaci,ma i sintomi persistono.Cerchiamo aiuto fuori regione,Roma,ospedale universitario.Visite:reumatologo;infettivologo.Tac Torace con contrasto evidenzia presenza linfonodi sottoclaveari dx.Quantiferon positivo.Si ripetono tutte le analisi precedenti:ACE nella norma;TAS nella norma.Nuove analisi:Ferritina;Autoimmunità,nella norma;Tipizzazione linfocitaria;Coagulazione non nella norma.Richiesta Biopsia e visita ematologica.La visita ematologica non evidenzia interessamento in questo specifico campo(Emocromo buono ed altre stazioni linfatiche senza linfonodi ingrossati).La Biopsia viene prenotata a Milano:Linfonodi risultati più piccoli e di conseguenza si è proceduto con ago aspirato,di cui l'esito è stato:Cellularità linfoide polimorfa,negativa la ricerca di cellule tumorali.Ritorno a Roma non ottenendo altra risposta che:Eritema Nodoso Idiopatico.Continuano ancora i sintomi,si arriva ad un ospedale universitario,Calabria.Si ripetono tutte le analisi con Quantiferon ancora positivo e le altre analisi nella norma.Veniamo rispediti a casa con promessa di una telefonata che non è mai arrivata.Dopo tutto questo iter, siamo arrivati ad oggi e con la situazione che è andata man mano peggiorando con dolori lancinanti alla schiena:Autonomamente si è fatta una RMN(13/05/2011) con esito di spondilite.Siamo tornati in ospedale dove è stato nuovamente prescritto il cortisone da un internista e dopo un consulto da un neurochirurgo:sono state ripetute tutte le analisi che però saranno pronte tra un mese.I dolori persistono nonostante cortisone ed antiinfiammatori(oki,aulin,mesulid,celebrex,lyrica,quale volevo prendere a mia scelta),siamo di nuovo a casa e le cose non migliorano.Cosa altro possiamo fare visto che oltre agli ospedali abbiamo fatto svariate visite e consulti in tutta Italia senza avere risposte in merito a tutti questi problemi accentuati nel tempo?Possibile che nessuno riesca o provi a capire questo quadro clinico dove porta?Perchè è insorto?Ad oggi,avendo 30 anni,non posso davvero sperare in una cura visto che nessuno mi dice qual'è il mio malessere?Devo convivere con febbricola e dolori articolari per tutta la vita?Tra un anno cos'altro avrò in più nel quadro clinico di alterato?Posso sperare di curare la spondilite?Grazie dell'attenzione prestata.Se può indirizzarmi vado ovunque per capire cosa ho.Grazie ancora.

[#3] dopo  
Dr. Giovanni Migliaccio

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
GERACE (RC)
MESSINA (ME)
CASALPUSTERLENGO (LO)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2006
Credo che, dopo quanto precisato, il consiglio del collega Mocci debba essere un po' ridimensionato.

Detto questo (e limitandomi a quanto di mia competenza, ma con i limiti del consulto a distanza), credo che l'eritema nodoso sia stato curato, mentre il quadro di spondilodiscite non sia stato ben inquadrato nè trattato.

Mi sembra però che tale diagnosi sia recentissima, pertanto ritengo che sia urgente iniziare la terapia appropiata con antibiotico mirato (eventuale biopsia vertebrodiscale),l'immobilizzazione per un tempo adeguato (in genere due mesi) e valutare l'opportunità di un intervento di artrodesi.

Ovviamente queste mie considerazioni sono indicative e non possono aver valore diagnostico e terapeutico in assenza di una valutazione diretta del paziente e della documentazione clinica.
Giovanni Migliaccio, M.D., Neurochirurgo
studio@giovannimigliaccio.it -- www.giovannimigliaccio.it
sede principale: Milano

[#4] dopo  
Utente 207XXX

Grazie per l'interessamento.Io credo che l'eritema non sia stato curato,ma è un'opinione da paziente.
Per quanto riguarda la Spondilite,visto che prendo il cortisone e antidolorifici,visto che,se possibile,i dolori aumentano e lei mi parla di cura e immobilità,addirittura per due mesi.Che devo fare se non mi vengono prescritte queste cose?Sto provando di tutto e vado ovunque per avere risultati,perchè sto male.La notte la trascorro su una sedia ed in malo modo per i dolori.Se lei mi dice che è possibile, quando scende a Cetraro,potrei spiegarle meglio la situazione.Ringrazio ancora per l'attenzione.

[#5] dopo  
Dr. Giovanni Migliaccio

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
GERACE (RC)
MESSINA (ME)
CASALPUSTERLENGO (LO)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2006
A Cetraro ci sono stato appena la settimana scorsa, quindi penso che ci tornerò il 29 o 30 giugno.
In caso decidesse, me lo confermi tramite l'e-mail che trova sotto il mio nome.
Cordialmente
Giovanni Migliaccio, M.D., Neurochirurgo
studio@giovannimigliaccio.it -- www.giovannimigliaccio.it
sede principale: Milano

[#6] dopo  
Utente 207XXX

certo che ci vuole fortuna nella vita......Di certo la contatterò nel momento in cui avrò l'esito degli ultimi esami.
Ringrazio

[#7] dopo  
Utente 207XXX

Buona sera, aggiorno la mia situazione avendo a disposizione l'esito di alcuni degli esami recentemente eseguiti.
Ves 4
Emocromo completo:
Globuli rossi 6,71(4,7-6,1)
Emoglobina 13,3(14-18)
Ematocrito 40,9(42-52)
MCV 61,0(80-94)
MCH 19,8(27-31)
MCHC 32,4(33-37)
RDW 16,3(11,5-14,5)
HDW 3,58(2,2-3,2)
le altre nella norma.
TAS 199,0(0-200)
PCR 9,2 (0,0-5,0)
Fattore Reumatoide <7.88(0,0-15,0)
Quantiferon TB negativo.
In attesa dei risultati di P-ANCA; C-ANCA; ANA; ENA screening.
Per il momento curato con Kolibri e Medrol.
Richiesto riposo e busto nelle ore diurne.
Il mal di schiena continua ad essere forte e nessun beneficio si è avuto dalla cura.Sono più di dieci giorni che prendo il cortisone e venti antidolorifici.Possibile che questa spondilite non si capisca da dove proviene e come si possa curare?
Grazie a chiunque prenderà a cuore il mio caso