Utente 190XXX
Salve ho una curiosita riguardo al fatto che dopo una ecografia completa addome il medico mi ha ha rilasciato questo referto:fegato di dimensìoni lievemente aumentate ,normoecogeno ad ecostruttura regolare senza lesioni focali e con vene sovraepatiche di calibro e decorso regolare .Milza ad ecostruttura omogenea di dimensioni ai limiti superiori della norma 12.5per4.5cm premetto che sono fabico .Il medico che mi ha fato l ecografia mi esclude una epatite cronica sostenendo che da una ecografia si vede una epatite cronìca mentre un altro ragazzo apena laureato in medicina mi dice che da una ecografìa nn si vede se si ha una epatite cronica in corso.Vorrei capire se realmente da una ecografia si vede se si ha una epatite in corso .Ho fato anche le alt e ast e sono perfette.Vorrei aprofitare della vostra gentilezza per togliermi anche quest altra curiosita e cioè se una febbre a 40 curata in 4 gìorni potrebbe indicare una sieroconversione da hiv grazie

[#1] dopo  
Dr. Roberto Chiavaroli

32% attività
4% attualità
16% socialità
LECCE (LE)

Rank MI+ 52
Iscritto dal 2009
Gentile utente,
un'ecografia effettuata da uno specialista in Gastroenterologia, Malattie Infettive o Malattie del Fegato è in grado di diagnosticare nell' 80% dei casi una Cirrosi Epatica ma non un'epatite cronica.
L'aumento di dimensioni del fegato è un dato troppo aspecifico e spesso riconducibile a fattori costituzionali.
Al contrario l'aumento di dimensioni della Milza è più indicativo di una patologia ( anche benigna come una virosi respiratoria) se il diametro longitudinale supera i 12 cm e la superficie i 45 cm quadri.
Nel suo caso mi sembra che i parametri rientrino nella norma anche considerando che i giovani tendono ad avere la Milza leggermente più grande degli anziani.
Per quanto riguarda l'infezione acuta da HIV non esiste nessun dato clinico per fare diagnosi. Nella maggior parte dei casi i sintomi non ci sono e quando sono presenti sono identici a quelli di tante altre infezioni virali dall'influenza, al raffreddore alla mononucleosi fino alla meningite...

spero di essere stato d'aiuto
Saluti
Dr. Roberto Chiavaroli