Utente 528XXX
Salve Dottori, agli inizi di dicembre ho avuto un rapporto anale non protetto con un uomo. Si è concluso dopo qualche secondo senza che questi abbia effettuato eiaculazione. Lui mi ha assicurato di non avere problemi. Dopo circa 15 gg ho iniziato ad avere fitte allo stomaco e sensi di vomito, tosse persistente che continua ancora oggi e non mi lascia in pace nonostante i numerosi sciroppi, dolri inguinali e dolri lungo il collo. Mi sono recato dopo 26 gg dal rapporto non protetto presso un centro per malattie sessualmente trasmissibili e ha dato esito negativo. So che non da certezza ma può essere già un buon segno?

[#1] dopo  
37134

Cancellato nel 2009
Ha eseguito il test un pò precocemente. A 26 giorni è presto per dargli significato clinico elevato. Lo ripeta a 100 giorni.
Marcello Masala MD
Marcello Masala MD

[#2] dopo  
Utente 528XXX

Dottore innanzitutto la ringrazio per la risposta.A cosa posso ricondurre tutti questi disturbi fisici e cosi prolungati?I medici che mi hanno ascoltato dicono che potrebbero anche essere sintomi causati dalla mia psiche ma io i dolori li sento davvero.

[#3] dopo  
37134

Cancellato nel 2009
Gentilissimo paziente senza dubbio la condizione emotiva non l'aiuta, ma prima di pensare all'ansia esegua i test per l'epatite e le altre MST. Si faccia inoltre visitare da un internista che senz'altro potrà aiutarla visitandola a capire il suo quadro sindromico.
Marcello Masala MD
Marcello Masala MD

[#4] dopo  
Utente 528XXX

Tra venti gg effettuero un ulteriore test e dal fatidico giorno saranno passati 50 gg. Le faro sapere dottore. Grazie per mettere a nostra disposizione il suo sapere.

[#5] dopo  
Utente 528XXX

Dottore oggi mi sono svegliato e la tosse si è quasi del tutto calmata. E' un buon segno? In compenso ho dolori al collo e sono subentrati dolori all'inguine e debolezza nelle gambe e quando emetto aria dal mio corpo fa una puzza spaventosa. La prego Dottore mi aiuti. Non ce la faccio più ad aspettare quella data. Non esiste un test più rapido?

[#6] dopo  
37134

Cancellato nel 2009
I suoi sintomi sono aspecifici e correlabili con varie cose, tra cui in prima istanza una sindrome influenzale. La diagnosi di HIV non è mai sintomatologica, quindi non deve continuare ad osservarsi ossessivamente. Riguardo i test le consiglio di attendere HIV e Ag P24 come già consigliato.
Marcello Masala MD
Marcello Masala MD

[#7] dopo  
Utente 528XXX

Grazie dottore!Ho letto su wikipedia che con gli esami di oggi il periodo finestra si è abbassato dalle 4 alle 6 settimane dopo il rapporto a rischio. Visto che io la termino domenica la sesta settimana che dice se vado a effettuare un prelievo in maniera tale da rasserenarmi un po o gettarmi nello sconforto?

[#8] dopo  
37134

Cancellato nel 2009
Gentile paziente , un test a sei settimane può essere utile ma non certo definitivo.
Marcello Masala MD
Marcello Masala MD

[#9] dopo  
Utente 528XXX

Dottore da stamattina mi sono alzato e le mie feci hanno un colore giallo e nel pulirmi ho notato una sostanza viscida simil muco. E' una consguenza dell'HIV oppure sta subentrando un ulteriore problema?

[#10] dopo  
37134

Cancellato nel 2009
Mi sembra di ricordare che per ora lei non ha una diagnosi di HIV. Il sintomo che riferisce è in prima istanza un espressione infiammatoria aspecifica.
Marcello Masala MD
Marcello Masala MD

[#11] dopo  
Utente 528XXX

Si non ho ancora una diagnosi di hiv...lunedi mattina andro ad effettuare ulteriore prelievo allo scadere della sesta settimana..volevo sapere se il muco nelle feci era una conseguenza della possibile infezione da hiv...grazie infinite dottore

[#12] dopo  
37134

Cancellato nel 2009
Penserei ad un fatto colitico.
Marcello Masala MD
Marcello Masala MD