Utente 790XXX
Buongiorno, ho 39 anni, sesso maschile; è possibile che un'infezione da stafilococco aureo porti come sintomi brividi e sudorazione?
Sono alcuni mesi che convivo con questi sintomi, anche se negli ultimi periodi sono di diminuiti, e dagli accertamenti fatti nofn è uscito nulla. Nel mese di agosto i sintomi(soprattutto la sudoirazione) erano al limite del sopportabile, in quantpo arrivava senza motivazoine particolare ed all'improvviso, anche di notte.
Ho fatto negli ultimi 7-8 mesi, su prescrizione medica:
-esami ematici (compresi tiroide,fegato)
-eco cardio, test ergo ed ecg
-rx torace in due proiezioni
-elettromiografia arti sup e inf (prima parte)
-eco collo (per tiroide e linfonodi).
Faccio presente che soffro di una lieve ipertensione in cura con norvasc 10 e gozzo tiroideo con eutirox 75.
La mia domanda era corelata al fatto che alla mia compagna, nell'ottobre 2010, è stato diagnosticato lo stafilococco aureo in carica alta,e continua saltuariamente ad avere qualche piccola ripresentazione sulla pelle, nonostante la cura antiboitica fatta a sou tempo; io non ho fatto esami o cure specifiche.
Di anomalo nelle analisi una tsh un po bassa ma comunque quasi al limite ed una lievissima alterazione dei globuli rossi, ma praticamente ininfluente.
Vi ringrazio anticipatamente

[#1] dopo  
Dr. Giovanni Beretta

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
FIRENZE (FI)
ROMA (RM)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Gentile lettore,

ogni infezione, provocata da qualsiasi microrganismo, può dare anche questi sintomi ma, come ben intuisce, questi non ci posssono permettere di fare una diagnosi precisa e corretta.

Senta ora il suo medico di fiducia per impostare l'iniziale iter diagnostico mirato ed eventualmente poi consultare lo specialista di riferimento.

Cordiali saluti.
Giovanni Beretta M.D.
http://www.andrologiamedica.org
http://www.centrodemetra.com

[#2] dopo  
Utente 790XXX

Ultimamente è comparsa una placca in gola,che il mio medico sta curando con antibiotico. Puo esserci correlazione?
Inoltre, quali sono gli esami specifici per la diagnosi dello STAFILOCOCCO in un uomo?
Ciò poichè I sintomi quali freddo diffuso, soprattutto a mani e piedi, persistono, anche se a fasi alterne.
Di recente ho fatto cupremia,ldh,beta 2 microglobulina, acido vanilmandelico, catecolamine 24 ore; tutto nella norma, tranne la dopamina urinaria a 425 (120-400).
Negli ultimi periodi ho notato alle varie analisi un TSH BASSO, comunque sempre al limite della norma.
Difatti, alle ultime analisi effettuate rispettivamente a dicembre, ottobre ed agosto 2012, nonché ad aprile 2011, il TSH era Rispettivamente a 0.622, 0.66, 0.45 e 0.51, a fronte di ft3 ed ft4 sempre nella norma.
Alle ultime analisi di dicembre era tutto nella norma, ovvero:glicemia(101),azotemia,creatinemia,proteine totali,albumina,got,gpt,creatinkinasi(191),LDH,mioglobina,troponina,ck-massa,gamma
gt,sodio,potassio,cloro,tempo protrombina,aptt,aptt ratio,fibrinogeno,es.emocromocitometrico.
All’esame emocromocitometrico sono risultati ERITROCITI a 5.98 (3.70-5.10), volume corpusc. Medio 81.0 (82-95), emoglobina corpusc. Media 26.9 (27.2-34), anche se gli ultimi due sono valori da sempre suscettibili di oscillazione.
Effettuati controlli al cuore negli ultimi due mesi (ecg-eco cardio-test ergometrico) tutti nella norma.
Fatti anche rx torace in agosto 2011 ed elettromiografia arti, tutto nella norma.
Ultima eco tiroide a settembre 2011, gozzo multi nodulare (2 noduli); in passato due volte ago aspirato sempre negativo, ultimo 4 ANNI FA.
Eco addome a ottobre 2010, tutto nella norma ad eccezione di “fegato di dimensioni aumentate, con margini regolari,eco struttura diffusamente iperecogena, come per sofferenza steatosica”.
Vi ringrazio per ulteriori suggerimenti in merito.
saluti

[#3] dopo  
Dr. Giovanni Beretta

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
FIRENZE (FI)
ROMA (RM)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile lettore,

gli esami specifici per il riscontro del microrganismo da lei indicato sono le eventuali valutazioni colturali che senza problemi, se è il caso, il suo medico le indicherà.

Cordiali saluti.
Giovanni Beretta M.D.
http://www.andrologiamedica.org
http://www.centrodemetra.com