Utente 229XXX
salve,ho bisogno gentilmente di un semplice consulto medico
Ho fatto il test anti VCA per la mononucleosi,ecco i risultati

VCA igg 10,6 AU/ml
VCA igm assenti


volevo sapere una cosa:
la mononucleosi con questi valori l'ho avuta o no?
sono immune?
grazie

[#1] dopo  
Dr. Giovanni Beretta

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
FIRENZE (FI)
ROMA (RM)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Gentile lettore,

con un VCA-IgG inferiore a 20 U/ml possiamo dire che il test è negativo.

Di solito se la malattia è in fase acuta si alzano le IgM e se ha avuto in passato la mononucleosi le IgG superano le 20U/ml.

Comunque ora senta o risenta in diretta il suo medico di fiducia.

Cordiali saluti.

Giovanni Beretta M.D.
http://www.andrologiamedica.org
http://www.centrodemetra.com

[#2] dopo  
Utente 229XXX

grazie mille le ho posto questa domanda perchè ho una febbricola da 3 mesi e non si riesce a capire il motivo...ho anche fatto 2 ricoveri ma nulla

L'unica cosa è questa della mononucleosi;ho notato che alle analisi fatte prima della febbricola avevo i valori:


VCA igg 10,6 AU/ml
VCA igm assenti


2 settimane fa
IgG anti VCA 514.00 UA/ml v.n. Normale
IgM anti VCA 10.00 UA/ml v.n Normale
IgG anti EBNA 320.00 UA/ml v.n. Normale

ora non capisco se può significare qualcosa tutto ciò

la ringrazio in antipico

[#3] dopo  
Dr. Giovanni Beretta

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
FIRENZE (FI)
ROMA (RM)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Da questa postazione purtroppo poco altro le si può dire.
Giovanni Beretta M.D.
http://www.andrologiamedica.org
http://www.centrodemetra.com

[#4] dopo  
Utente 229XXX

le ho postato gli esami così come sono

[#5] dopo  
Dr. Giovanni Beretta

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
FIRENZE (FI)
ROMA (RM)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Sono queste indagini che da sole non ci fanno capire il suo sintomo particolare.

Comunque ora conviene risentire il medico di fiducia e con lui rivalutare la situazione ed eventualmente, se indicato, ripetere anche le valutazione ematochimiche.

Ancora cordiali saluti
Giovanni Beretta M.D.
http://www.andrologiamedica.org
http://www.centrodemetra.com