Utente 238XXX
Buongiorno. Mia mamma è stata operata e, quando è tornata a casa, nel medicarle delle vesciche che le si erano formate sotto una fasciatura, alcune si sono rotte e mi sono bagnata le dita con il siero che ne è fuoriuscito. Vorrei sapere se, se per caso durante l'intervento e il ricovero avesse contratto l'epatite c, è possibile che in questo modo me la sia presa anche io. Non ho pensato a mettere i guanti, e qualche pellicina sollevata intorno alle unghie ce l'ho sempre. Grazie mille..

[#1] dopo  
Dr. Alessandro Scuotto

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
COMO (CO)
SARONNO (VA)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Gentile signora,
da un punto di vista statistico il suo timore è poco giustificato, si tratta di valutare l'ipotesi (il suo contagio) successiva ad una situazione a sua volta ipotetica (il contagio di sua madre in ambito ospedaliero).
Ad ogni modo, per la prossima medicazione, è meglio indossare i guanti.
Cordiali saluti.
Alessandro Scuotto, MD, PhD.

[#2] dopo  
Utente 238XXX

Ma quindi, nel caso mia mamma l'avesse contatta, basta così poco per venire contagiati? Quindi anche il liquido contenuto nelle vescicole è contagioso? Mi scusi e grazie..

[#3] dopo  
Dr. Alessandro Scuotto

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
COMO (CO)
SARONNO (VA)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile signora,
le misure di prevenzione e profilassi servono proprio per evitare l'occasione di contagio; la probabilità o l'ipotesi di contagio sino utili per elaborare statistiche sulla popolazione. Per sapere se una persona ha contratto una infezione virale è necessario praticare alcune analisi di laboratorio. Ma è necessario che ci sia un presupposto "reale" di contagio: se sua madre non è portatrice del virus, lei non può aver contratto l'infezione da sua madre.
Cordiali saluti.
Alessandro Scuotto, MD, PhD.