Utente 574XXX
Salve a tutti gentili Dottori.
Vi contatto per avere un parere, sempre nei limiti di un consulto via internet, circa la presenza, sulle caviglie di mio padre (55 anni, che da circa 1 anno è in cura riabilitativa per una ernia che lo costringe allo steppage) di puntini rossastri presenti in gruppi.
Questi puntini rossastri presenti in gruppi stanno sulle caviglie ed in prossimità delle dita del piede.
Durante un visita dal neurologo, gli è stato cnsigliato di fare per queste macchie l'esame del sangue con la ricerca dei markers per HCV.
Ma l'epatite C non è una malattia clinicamente silente? E comunque può essere questo un segno di sospetto di HCV?
Grazie anticipatamente.
Cordiali saluti.

[#1] dopo  
Utente 574XXX

volevo solo aggiungere delle precisazioni:

i puntini sono in realtà rosso scuri come il colore del sangue coagulato e stanno sotto pelle. Non sono rilevati, non danno dolore.
Grazie anticipatamente.
Cordiali saluti.

[#2] dopo  
37134

Cancellato nel 2009
Gentilissimo paziente qualsiasi lesione dermatologica deve essere valutata dallo specialista d'ambito(il dermatologo appunto). In realtà in alcuni casi ci possono essere delle correlazioni tra HCV e presenza di petecchie cutanee. Non si tratta comunque di lesioni patognomoniche , ma di conseguenze della trombocitopenia o altri disordini emocoagulativi. Quindi le ribadisco la proposta di videat dermatologico.
Marcello Masala MD

[#3] dopo  
Utente 574XXX

La ringrazio Dottor Masala per la sua rispsta.
In effetti mio padre ha eseguito degli esami del sangue in cui ha richiesto i markers epatici, l'esame emocromocitometrico ed altri....di cui avremo risposta la settimana prossima....
Le farò poi sapere.
Ancora grazie.
Cordiali saluti.

[#4] dopo  
Utente 574XXX

Dottor Masala, mi scusi.
Intanto che arrivino i risultati delle analisi, le volevo chiedere un'altra cosa.
Circa un mese fa mi è capitato di "soccorrere" un giovane asiatico che si trovava nel corridoio dell'ospedale e che aveva una tosse molto forte con emoftoe. Il mio "soccorso" è consistito semplicemente nel portarlo in accettazione per le cure del caso.
Mi hanno poi detto che quel giovane aveva la Tubercolosi. Ed io siccome non sono vaccinato, ho eseguito dopo 2 giorni il tine test che è risultato negativo. Tuttavia ad oggi non ho ancora fatto il vaccino perchè volevo sapere se esiste un "periodo finestra" che è necessario attendere...cioè devo ripetere il test ad una distanza maggiore dall'episodio, oppure la negatività a 2 giorni dal test è già sufficiente, tale da potermi già far eseguire il vaccino?
Grazie ancora.
Cordiali saluti.

[#5] dopo  
37134

Cancellato nel 2009
Il vaccino per la TBC lascia il tempo che trova, non è sempre immunizzante e la sua utilità è discussa. Le consiglio di ripetere l'intradermoreazione di Mantoux e fare Rx torace a trenta giorni , se è tutto negativo non farei altro.
Marcello Masala MD

[#6] dopo  
Utente 574XXX

Grazie Dottor Masala.
Le volevo però dire che non ho eseguitouna introdermoreazione di Mantoux, ma ho fatto un tine test. Volevo sapere se può essere comunque attendibile un tine test ripetuto a distanza di un mese e mezzo.
Grazie ancora.
Cordiali saluti.

[#7] dopo  
37134

Cancellato nel 2009
Si è attendibile.
Marcello Masala MD

[#8] dopo  
Utente 574XXX

Grazie ancora Dottor Masala.

[#9] dopo  
Utente 574XXX

Gentile Dottor Masala, le riporto gli esami del sangue di mio padre. Gli esami del sangue:
TSH 1,02
FT3-T3 FRAZ LIBERA 2,87
FT4-T4 FRAZ LIBERA 9,8


MARKERS EPATITICI tutti negativi, eccetto HBS Ab (15, quindi c'è risp immunitaria attiva) ed HAV Ab IgG.

COLESTEROLO 209
TRIGLICERIDI 262 (sopra il limite)


ESAME EMOCROMOCITOMETRICO nella norma, eccetto
globuli bianchi 11,1 K/uL
neutrofili 6.97 62.9 %N

AZOTEMIA 40
GLICEMIA 88
GOT 24
GPT 27
GAMMA GT 23
VES 2
REUMA TEST 3,9
SODIO 143
POTASSIO 4
CREATININA 0,80
URICEMIA 5,2
CLORO 103
L.D.H. 317
ANA PRESENTI

Alla luce di tutto questo le uniche alterazioni presenti sono:
1. HBS Ab (15, quindi c'è risp immunitaria attiva)
2. HAV Ab IgG
4. globuli bianchi 11,1 K/uL
5. neutrofili 6.97 62.9 %N
7. Positivita degli ANA.

A cosa può essere dovuta l'ANA positività?...E secondo lei cosa si può dedurre da queste indagini?
Nell'attesa di un suo consulto, la ringrazio cordialmente.

[#10] dopo  
37134

Cancellato nel 2009
Gli esami sono compatibili con un infezione batterica(la leucocitosi); la positività degli ANA è invece di compentenza reumatologica.
Marcello Masala MD