Utente 263XXX
Gentili Dottori,

ho avuto un episodio a rischio circa 3 mesi fa, con persona affetta da epatite c e probabilmente anche b, scadono il prossimo 15 agosto. Sono a conoscenza poichè già effettuato in passato che il periodo finestra per l'hiv è di 90 giorni. Per l'epatite c e b leggo che è possibile cercando il virus e non l'anticorpo relativo, escludere una infezione a 90 giorni dall'evento anzichè 180. Ergo il prossimo 16 agosto posso recarmi ad effettuare il prelievo per togliermi definitivamente ogni dubbio. La domanda che volevo porvi è se è corretta la mia informazione e quale tipologia esatta di esame richiedere al medico di famiglia, HBV DNA ed HCV RNA? Correggetemi se sbaglio. Inoltre volevo chiedervi se affinchè il test sia definitivo debba essere di una generazione o meno o effettuato con una o altra metodica più recente e come posso fare per saperlo. Mi recherò in una struttura pubblica. Vi ringrazio della risposta e spero le mie informazioni siano corrette per mettermi definitivamente alle spalle questo episodio dopo questi 90 giorni senza ulteriori attese. Vi prego la massima sincerità. Grazie

[#1] dopo  
Dr. Francesco Quatraro

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
4% attualità
20% socialità
ACQUAVIVA DELLE FONTI (BA)

Rank MI+ 76
Iscritto dal 2012
Gentile utente,

Le riassumo dati che, in parte già conosce, in maniera sintetica e schematicamente a lei utile.

Tempi di manifestazione di Epatite B ed Epatite C:
il periodo di incubazione varia da 30 a 180 giorni per l'epatite B e da 15 a 160 giorni per l'epatite C.

Come eseguire la diagnosi,
(tralasciando segni e sintomi aspecifici dell'epatopatia in atto come ittero, aumento transaminasi, etc)

Per l'HBV:
La corretta diagnosi di epatite B può però essere fatta solamente studiando il dosaggio dei markers virali specifici.
L' HBV-DNA (sarebbe un passo successivo) indica la presenza del virus nel sangue, generalmente è correlato alla positività per HbeAg indice di elevata replicazione del virus.

Per l'HCV:
1) Se si sospetta un’infezione da HCV, si esegue un test anticorpale (anti-HCV).
Tuttavia devono passare mediamente 80 giorni (33-129 giorni) dal contagio perché si possano rilevare gli anticorpi contro il virus dell’epatite C (anti-HCV).
Questo test anticorpale conferma l’esposizione del soggetto al virus dell’epatite C, ma non specifica se la malattia è attiva né la carica virale.

2) Se il risultato è positivo, si può eseguire una determinazione dell’HCV RNA.
==>> L’RNA del virus può essere rilevato nel sangue già dopo 1-2 settimane dal momento del contagio, prima che si verifichi l’aumento delle transaminasi.

Saluti
Responsabile U.O. di Endoscopia Digestiva Osp. MIULLI
www.enterologia.it
www.transnasale.it

[#2] dopo  
Utente 263XXX

Gentile Dott. Quatraro,

La ringrazio per la sua celere risposta.

Credevo che ricercando direttamente la presenza del virus nel sangue si potesse abbreviare il tempo mentre da quanto ho capito è necessario che io aspetti 6 mesi per cercare gli anticorpi specifici comunque.

Ora a quasi 4 mesi, poichè tornerò dalle ferie il prossimo 1 settembre, cosa mi consiglia di fare, una ricerca intermedia? Quanto meno per alleviare questo periodo di attesa stressante che credevo poter ridurre e un pò tranquillizzarmi. Nel caso quanta validità avrebbe?

La Ringrazio



[#3] dopo  
Dr. Francesco Quatraro

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
4% attualità
20% socialità
ACQUAVIVA DELLE FONTI (BA)

Rank MI+ 76
Iscritto dal 2012
Comprendo le sue ansie,
ma non mi pare che ci si possa discostare da quanto le ho riferito.

Cordialmente
Responsabile U.O. di Endoscopia Digestiva Osp. MIULLI
www.enterologia.it
www.transnasale.it