Utente 291XXX
Gentile dottore,

In un'analisi effettuata per richiesta del neurologo si è visto che in passato ho contratto tre virus - citomegalovirus, toxoplasmosi e herpes zoster. Al momento dell'analisi questi virus erano inattivi. Essendo affetta da una connettivite autoimmune sono sotto terapia immunosopressiva con Azatioprina 100 mg al dì e Medrol 1mg al dì. Vorrei chiedere se i virus si possono riattivare con la terapia immunosoppressiva in questi dosaggi. Devo fare dei controlli? Vorrei aggiungere che ho avuto un episodio acuto di herpes zoster, ma prima di scoprire di essere malata di connettivite autoimmune e prima di cominciare le terapie immunosopressive. In questo momento non ho episodi che possono far pensare a una riacutizzazione dei virus. Se devo fare dei controlli mi potrebbe indicare con quale frequenza li devo eseguire?

Grazie

[#1] dopo  
37134

Cancellato nel 2009
Gentile paziente la compromissione immunitaria necessaria per avere una malattia sistemica da riattivazione di pregressa infezione da Citomegalovirus o Toxoplasma è molto maggiore rispetto a quella attuata dalla terapia che lei svolge. Tale rischio si corre in casi di trattamento ad alte dosi come nel post trapianto di organo solido, nel trapiantato di midollo o anche nell'Aids conclamata. Nelle prime fasi questi pazienti hanno una immunosoppressione completa e duratura e si può assistere ai problemi sopracitati addiritura con esito sfavorevole. Riguardo l'Herpes Zoster è una malattia da riattivazione di VZV e può venire a prescindere dai trattamenti che svolge, al limite lei può essere più sensibile, ma essendoci l'antivirale specifico nel caso di nuovo episodio si può ben controllare.
Marcello Masala MD

[#2] dopo  
Utente 291XXX

Gentile Dr. Masala

La ringrazio molto della Sua esauriente risposta.

Cordiali saluti