Utente 699XXX
Salve,
dopo poco più di un mese dopo un rapporto sessuale orale non protetto ho accusato un violento mal di gola accompagnato da febbre alta: prendo augmentin ma tornano sia febbre che mal di gola, prendo amoxicillina e dopo la fine della terapia tornano ancora quei sintomi. Vengo ricoverato in ospedale e risulto negativo all'hiv e all'epatite e dopo altra terapia di antibiotico guarisco. Dunque il test hiv l'ho fatto circa due mesi dopo il rapporto a rischio. Ora (dopo ciè 3 mesi e 10 gg.)mi è rimasto un lieve mal di gola. Volevo sapere se, qualora avessi contratto il virus e quei sintomi fossero stati il suo manifestarsi, il test avrebbe dovuto rilevarne la presenza? Ribadire il test ora mi darebbe una certezza totale?

[#1] dopo  
37134

Cancellato nel 2009
Se vi sono sintomi legati alla sieroconversione ed esegue il test questo in caso di contagio non è negativo. Ripeta il test ora e lo consideri affidabile. Riguardo il contatto descritto è a rischio anche per le altre MST , quindi esegua anche markers epatite B e visita dermatologica.
Marcello Masala MD