Utente 389XXX
Buonasera,

premetto che sono un ipocondriaco cronico probabilmente e che per questo e altri motivi in passato sono stato anche in analisi con mediocri risultati.
Sono appena tornato da un lunghissimo viaggio nell'Africa centro orientale.
Per via delle mie fobie ho consultato l' ASL di zona e sotto loro consiglio ho deciso di fare i vaccini per tetano, polio, difterite, febbre gialla, epatite A, tifo e profilassi antimalarica (malarone).
Era andato tutto liscio come l'olio per un viaggio fai da te, fino a ieri (venerdì) alle 22:00 circa, quando ci trovavamo in attesa del taxi per l'aeroporto presso un centro commerciale fuori dalla capitale.
Avevamo scelto questo posto perché un po' stanchi del girovagare nella città con le continue e insistenti richieste di acquisto souvenir, taxi e altro.
Avevamo solo voglia di rilassarci con la gente del posto prima di partire equi era possibile, in quanto ambiente più controllato e ben gestito.
Vengo al dunque: mi reco al bagno di questa sorta di grill bar del centro commerciale e comincio ad urinare ad un urinatonio a muro e poco prima di finire sento entrare qualcuno che si mette ad urinare con veemenza alla mia sinistra di spalle ad un altro urinatoio colpendomi magari involontariamente con numerosissimi schizzi di urina sul polpaccio sinistro (non so in che modo perché ero di spalle ma sentivo perché ero in bermuda, calzini corti e scarpe basse da trekking) sconvolto mi sposto e corro al lavandino a lavarmi frettolosamente la parte (il tipo non credo si sia accorto di nulla, magari era solo sbronzo), poi esco fuori e mi detergo con due salviette umidificate, cambio i calzini e prima detergo anche il piede sotto il quale avevo delle piccole escoriazioni provocate da un riccio di mare il lunedì o martedì scorsi e poi due o tre passate di detergente gel disinfettante dal piede fino al ginocchio (tipo amuchina).
Immagino che la cosa faccia ridere ma io sono terrorizzato, avevo anche una puntura di zanzara sul malleolo esterno che quando passavo la salvietta ricordo che sentivo lievemente bruciare.
La mia compagna mi dice che sto esagerando, ma io sono preoccupato di aver contrattato infezioni tipo HBV o altro e di poterla concontagiare, il pensiero mi fa impazzire.
Mi potete aiutare?
Pensate mi debba rivolgere a qualche struttura?
Vi ringrazio, un saluto.

[#1] dopo  
44918

Cancellato nel 2018
Salve,
Credo proprio che la sua compagna abbia ragione.
Che rischio pensa di correre per uno schizzo di orina?
Sia sereno!
Cordialità
Dr. Vincenzo Caldarola.
Medico - Chirurgo.

[#2] dopo  
Utente 389XXX

Gentile dottore,

la ringrazio della cortese risposta.
Il problema principale credo proprio sia la mia reazione psicologica irrazionale legata alla fobia delle malattie, specialmente quelle trasmissibili con sangue e liquidi biologici.
Lo schizzo di urina era molto consistente, tanto che all'inizio pensavo mi stessero tirando dell'acqua per farmi uno scherzo, ma per un ipocondriaco avere fiducia nel parere del medico è necessità primaria.
Ho fatto molti viaggi in paesi esotici per cercare di superare con una sorta di terapia d'urto questi problemi, ma ogni tanto purtroppo, come in questo caso, le fobie fanno di nuovo capolino.
Cercherò di tranquillizzarmi, la ringrazio nuovamente e buon lavoro.

Un saluto.

[#3] dopo  
44918

Cancellato nel 2018
Guardi,
se la può consolare io mi sarei solo sciacquato.
Il problema non è lo schizzo di urina ma la sua paura delle malattie infettive!
Ha mai pensato a una terapia cognitivo / comportamentale?
Se non lo ha mai fatto ci pensi....

Cari saluti!
Dr. Vincenzo Caldarola.
Medico - Chirurgo.

[#4] dopo  
Utente 389XXX

La ringrazio,

proverò a parlarne con lo psicoterapeuta al quale mi ero rivolto che ha continuato a seguirmi nel tempo, anche se ultimamente avevo un po' mollato, anche con la Fluoxetina che prendevo dal 2008.

Un saluto.