Utente 214XXX
Gentili medici il mio medico curante mi ha prescritto 3gg di Veclam 500mg 2 volte al giorno per una forte infezione alla gola, sia chiaro che raramente prendo antibiotici. Tuttavia a controllo dopo 3 giorni lo stesso medico mi ha detto di sospendere la terapia in quanto l'infezione aveva origine virale.
Ora la mia domanda, può questo ciclo di antibiotici errato aver generato una resistenza? Lo chiedo perché lo letto un articolo dove un semplice ciclo di antibiotici errato può sviluppare una resistenza al farmaco. La cosa, sinceramente, mi preoccupa un po.

[#1] dopo  
44918

Cancellato nel 2018
Non vi sono rischi concreti di preoccupazione.
Resta l'amaro in bocca nel vedere come chi dovrebbe gestire gli antibiotici con esperienza lo fa come un qualunque paziente profano in materia.
Mi chiedo inoltre che elementi abbia il suo medico per parlare di una forma virale, potendo essere stata una forma batterica o mista rapidamente responsiva all'antibiotico, che è stata, come si dice in gergo "decapitata" e verosimilmente potrà recidivare.

Si faccia prescrivere almeno un tampone faringeo per la ricerca dello Streptococco beta emolitico di gruppo A da effettuare 10 gg dalla sospensione dell'antibiotico.
Dia notizie se vuole e comunque stia Tranquillo.

Saluti cordiali,
Dott. Caldarola.
Dr. Vincenzo Caldarola.
Medico - Chirurgo.

[#2] dopo  
Utente 214XXX

La ringrazio per la risposta dottore, resta tanto amaro in bocca anche a me sinceramente. Anche perché pure due anni fa lo stesso medico mi prescrisse 5 gg di antibiotici per un problema all'orecchio, ciclo risultato inutile in quanto a visita da otorino si evinceva la presenza di un semplice tappo di cerume.
Nel caso invece in questione, la mia preoccupazione era quella di poter sviluppare una resistenza. Ma ciò può avvenire per un ciclo errato?

Per il resto farò come dice, tra una decina di giorni mi farò prescrivere un tampone per appurare la presenza dello Streptococco. Nel caso sia presente? La terapia antibiotica sarà comunque efficace?

[#3] dopo  
44918

Cancellato nel 2018
Allora cambi medico: è una soluzione più razionale che fare di testa sua.
Le ho già detto che le resistenze non la devono preoccupare: tra l'altro lo Streptococco beta Emolitico A è sensibilissimo a molti antibiotici.

Saluti cordiali,
Dott. Caldarola.
Dr. Vincenzo Caldarola.
Medico - Chirurgo.