Utente cancellato
Gentili dottori,
Stamattina mi sono schiacciato un pezzetto di un dito con la base di metallo di una vanga, non sporca di terra. Questo mi ha provocato una piccola contusione senza lacerazione della pelle, ma si è formata una piccola vescica piena di sangue sotto pelle. Successivamente però la bolla è scoppiata mentre maneggiavo un martello in gomma, è uscito un po’ di sangue ma non sembra esserci una vera e propria ferita.. soltanto la vescica ormai svuotata, sotto non c’è carne viva ma una spellatura lieve (come per le pellicine vicino alle unghie per capirci), ma se premo esce un po' di sangue. Vorrei sapere, anche perché sul momento ho potuto sciacquare solo con acqua e non disinfettare, e che comunque si trattava di strumenti da lavoro in campagna anche se non direttamente sporchi di terra, se c’è un rischio di contrarre Il tetano e che cosa dovrei fare nel caso. Grazie in anticipo

[#1] dopo  
44918

Cancellato nel 2018
Salve,
la ferita che descrive non è a rischio di tetano.
La disinfetti semplicemente e si tranquillizzi. Può continuare a lavare le mani con acqua e sapone.
Cordialità,
Dott. Caldarola.
Dr. Vincenzo Caldarola.
Medico - Chirurgo.

[#2] dopo  
434638

dal 2017
Grazie mille dottore,
Buona serata

[#3] dopo  
434638

dal 2017
Gentile dottore,
Vorrei cogliere l'occasione per effettuare il richiamo dell'antitetanica, non avendolo mai effettuato dopo quella di base, anche perché svolgo un lavoro di campagna/ cantiere e quindi potenzialmente a rischio. Non sono riuscito a trovare molte informazioni a riguardo: posso andare direttamente al centro vaccinazioni senza richiesta medica? Non credo di avere nemmeno il libretto vaccinale purtroppo. Potrò ugualmente fare il richiamo domattina?
Grazie ancora in anticipo

[#4] dopo  
44918

Cancellato nel 2018
Per fare il richiamo dell'antitetanica deve essere sicuro di aver effettuato la schedula vaccinale di base, che è obbligatoria e dovrebbe risultare negli archivi, cartacei o elettronici della ASL.
Nel dubbio è più opportuno che si faccia una dose e si controlli dopo un mese il titolo anticorpale: se non è protettivo conviene procedere a eseguire la scedula di base ripetendo il vaccino a 60 gg e poi a 180gg dalla prima dose.
Può manifestare la volontà di vaccinarsi presso l'apposito ufficio vaccinazioni della sua ASL.
Cordialità
Dott. Caldarola.
Dr. Vincenzo Caldarola.
Medico - Chirurgo.