Utente 338XXX
Salve a tutti, in seguito ad una donazione di sangue mi è stata diagnosticata la sifilide. Valore 13.
Il mio principale cruccio è capire un attimo come funziona, ho letto i vari sintomi della primaria secondaria ecc... Io non ho mai avuto tali sintomi, nessuno di essi, ne della primaria ne di altre. L'unica cosa che ho riscontrato di recente sono stati un paio di condilomi, riconosciuti come tali (HPV) da un Dermatologo venereologo e abrasi. Per il resto nient'altro. Inoltre la mia compagna con la quale ho rapporti non protetti (dopo aver fatto vari test tra cui non la sifilide perché pensavo debellata) da Ottobre dell'anno scorso non riscontra nessun contagio (per fortuna). Vorrei capire come mai non sono contagioso e come mai non ho mai riscontrato alcun sintomo.

[#1] dopo  
44918

Cancellato nel 2018
Salve,
sarebbe così gentile da postare esattamente gli esami che sono risultati positivi per la Sifilide?
Valore 13 non so proprio a cosa si riferisca.
Grazie.
Saluti,
Dott. Caldarola.
Dr. Vincenzo Caldarola.
Medico - Chirurgo.

[#2] dopo  
Utente 338XXX

Purtroppo non li ho, in quanto le hanno trattenuti all'avis, mi hanno detto che c'è un valore di controllo che per essere considerato negativo alla sifilide sarebbe dovuto risultare inferiore a 1, nel mio caso era a 13, adesso ho provveduto a fare un ulteriore prelievo per il test di controllo. Non ho pensato a richiedere una copia di tale analisi anche perché in quel momento ero un po' in confusione.

[#3] dopo  
44918

Cancellato nel 2018
Bene,
se vuole mi tenga aggiornato.
Senza esami non posso esprimermi.
A presto,
Dott. Caldarola.
Dr. Vincenzo Caldarola.
Medico - Chirurgo.

[#4] dopo  
Utente 338XXX

Buongiorno, alla fine è risultato un falso positivo, o meglio con IgG+IgM risulto sempre positivo, però ho effettuato anche il TPHA e il VDRL e sono entrambi negativi. Quale potrebbbe essere la ragione di una situazione simile? premetto che i test IgG e IgM li ho effettuati più volte e sono sempre risultati positivi purtroppo.

[#5] dopo  
44918

Cancellato nel 2018
salve,
le ho già spiegato che se lei non mi formisce i numeri delle delle IgM e delle IgG io non posso esprimermi.
Cioè deve fare il test quantitativo e non qualitativo.
Se le IgM hanno un elvato valore quantitativo lei ha la sifilide.
Ma finchè non mi fornisce questi dati, rimaniamo nel limbo di una situazione assurda: lei dice di avere IgM ed IgG (ma separatamente dosati o come anticorpi totali anti treponema?) e la VDRL e il TPHA negativi.
Si affidi a questo punto ad un infettivologo perchè parlare di un falso positivo con la presenza di IgM e IgG positive è abbastanza arduo.
Se i titoli dosati SEPARATAMENTE dei due anticorpi in modo quantitativo sono molto bassi si può pensare a un falso positivo, ma se sono elevati la situazione è meritevole anche di un immunoblotting contro le varie componenti del Treponema pallidum.
Mi faccia sapere se vorrà.
Saluti cari,
Dott. Caldarola.
Dr. Vincenzo Caldarola.
Medico - Chirurgo.

[#6] dopo  
Utente 338XXX

Va bene la ringrazio, al centro trasfusionale mi hanno detto di stare tranquillo perché sicuramente è un falso positivo dovuto alla loro macchina che ha dei parametri molto stretti. Però a questo punto domani vado dal mio medico di base e mi faccio prescrivere queste analisi a livello quantitativo.
Perché nei risultati che ho c'è solo scritto:
Sifilide (IgG+IgM) = Positivo.
Queste effettuate il 26/07
Poi nel secondo Test del 08/08 c'è scritto TPHA = negativo e VDRL = negativo.
In ogni caso la ringrazio, provvederò ad effettuare altre analisi.

[#7] dopo  
Utente 338XXX

Come le dicevo nel dubbio ho effettuato le analisi da lei consigliate i risultati non sono stati dei migliori
Treponema Pallidum IgG:
Treponema Pallidum IgG 47 kDa 0.4 <=8 negativo da 0 a 9 dubbio >1 positivo
Treponema Pallidum IgG 17 kDa 1.2 Uguale a sopra
Treponema Pallidum IgG 15 kDa 0.6 Uguale a sopra

Treponema Pallidum IgM 47 kDa 0.2 Uguale a sopra
Treponema Pallidum IgM 17 kDa 0.2 Uguale a sopra

VDRL NEGATIVA
TPHA POSITIVO

Valore TPHA 1/80 <1/80Negativo
>1/80 Positivo

A questo punto penso che dovrò prendere appuntamento per farmi somministrare le cure del caso.

[#8] dopo  
44918

Cancellato nel 2018
Salve,
la sua sifilide è guarita, che farmaci dovrebbe farsi somministrare e perchè?
Non comprendo.
Se è per il TPHA le rimarrà positivo per tutta la vita.
L'immunoblotting è negativo per IgM! E per IgG a valori indicanti attività della malattia.I valori che vede sono cicatrici immunitarie che resteranno a vita.
La VDRL è negativa e non ha treponemi nel sangue.
Spero che l'infettivologo che la vedrà abbia esperienza nel trattamento di questa malattia.
Se non ha fatto terapia va solo capito come se la sia ben curata "accidentalmente".
Faccia mente locale su una terapia con antibiotici che può aver fatto per altri motivi in passato .
Per me lei non deve fare nulla.
Saluti cordiali,
Caldarola.
Dr. Vincenzo Caldarola.
Medico - Chirurgo.

[#9] dopo  
Utente 338XXX

A questo punto non ho veramente la più pallida idea di cosa possa essere successo. Ero convinto di averla contratta negli ultimi due anni e ritenevo impossibile averla contratta prima. Ma in questo periodo non ho preso nulla. Possibile che l'abbia contratta in questi ultimi due anni e sia guarita da sola? Mi scusi magari le mie domande potranno sembrare stupide ma vorrei tentare di capire.

Edit, 4 anni fa ho fatto questa cura per 40 gg amoxicillina 2000 mg/die + claritromicina 1000 mg/die + IPP (es. omeprazolo) dose standard;
Questi farmaci potrebbero aver curato la sifilide?

[#10] dopo  
44918

Cancellato nel 2018
Assolutamente si!
Specie i 40 gg di doppia terapia antibiotica, con due molecole entrambe attive sul Treponema Pallidum!
E' questa la risposta al quesito della Sfinge!
Tanto abbiamo scavato che abbiamo trovato la soluzione.
Ora si tranquillizzi.
P.S. non si può parlare di falsa positività, perchè contro la componente Treponema Pallidum IgG 17 kDa 1.2 la positività a basso titolo non può essere messa in dubbio.
Ed è quella che determina la positività a basso titolo del TPHA.
Forse questo andrebbe fatto notare ai medici del centro trasfusionale.
Cari saluti,
Caldarola.
Dr. Vincenzo Caldarola.
Medico - Chirurgo.

[#11] dopo  
Utente 338XXX

Capisco, la ringrazio, mi ha molto tranquillizzato. In ogni caso alle condizioni attuali io non sono contagioso giusto? Ho avuto dei rapporti non protetti con la mia attuale ragazza (avevo chiesto al mio medico di fare tutte le analisi del caso, ma non so perché non mi ha prescritto anche i test per la sifilide). Lei nelle ultime analisi risulta negativa, ma non vorrei averla contagiata nel frattempo.

[#12] dopo  
44918

Cancellato nel 2018
Salve.
Non è contagioso. Assolutamente
Ma la sua ragazza deve fare uno screening per Lue (TPHA/VDRL) tenendo conto che se infetta può rimpallarle una nuova infezione sifilitica che non lascia immunità e si può riprendere molte volte.
Un cordiale saluto.
Caldarola.
Dr. Vincenzo Caldarola.
Medico - Chirurgo.