Utente 278XXX
Buongiorno, grazie in anticipo ai gentilissimi medici. In occasione di esami pre concezionali per una gravidanza che inizierò a cercare tra qualche mese, ho scoperto che, causa cambio nazione a età di anni 2, il piano vaccinale eseguito su di me è stato anomalo, iniziato in un paese e non completato nell'altro. Per rosolia pur avendo fatto solo una dose mpr a 17 anni risulto immune con Igg 43 su un minimo di 9, per fortuna, ma sorpresona morbillo risulto non immune, Igg minore di 5, negativo. Ho fatto in tutto 3 dosi di anti morbillo: le prime due col vaccino singolo solo del morbillo, all'età di mesi 9 il primo, e di 1 anno e 4 mesi il secondo, e la terza con il trivalente MPR all'età di anni 17. Come mai non sono immune? Perché le prime vaccinazioni sono state fatte troppo presto? Ma soprattutto, cosa faccio ora? Pensavo di non vaccinarmi visto che altrimenti dovrei aspettare per la gravidanza e non mi fido dell'indicazione di un mese di attesa visto che dovrei rifare il trivalente, mi sembra poco tempo, e la rosolia è la protezione più importante in gravidanza e sembro averla. Cosa mi consigliate? È molto grave prendere il morbillo in gravidanza? Non lavoro ne in ospedale ne in scuole. Se facessi mpr di nuovo rimarrei comunque non immune al morbillo secondo voi? Grazie mille

[#1] dopo  
44918

Cancellato nel 2018
Gentile Signora,
è molto arduo capire perchè lei risulti scoperta contro il morbillo.
Nè si conosce il ceppo morbilloso attenuato che le hanno somministrato: tenga conto che possono essere molte le cause della sua bassa titolazione anticorpale morbillosa.
Certamente essendo immune alla rosolia ha una gatta da pelare in meno (adoro i gatti quindi non ne pelerei mai uno)...
Ma prendere il morbillo in gravidanza a volte può essere pericoloso per la madre e per il feto.
Allora deve scegliere: rischiare, senza cadere poi nell'ansia o nel panico ad ogni piè sospinto, oppure fare il trivalente, aspettare tre mesi, e procedere con la ricerca di una gravidanza.
Tenga conto che i ceppi attenuati, a differenza di quelli sevaggi, si replicano al massimo 20 volte dando una infezioncina che poi è quella che seleziona i linfociti memoria.
Lei potrebbe averli già ma "dormienti": un richiamo per effetto booster potrebbe riattivarli e lei potrebbe verificare un titolo anticorpale IgG già dopo 10 gg altamente protettivo.
Questo è il mio consiglio.
Ne parli con il suo ginecologo o Infettivologo di fiducia.
Cari saluti,
Dott. Caldarola.
Dr. Vincenzo Caldarola.
Medico - Chirurgo.

[#2] dopo  
Utente 278XXX

La ringrazio molto Dott.Caldarola, sono orientata verso la decisione di non fare il vaccino al momento. Magari sono protetta anche se gli anticorpi non sono rilevabili, magari l'effetto booster lo avrei anche venendo a contatto col morbillo selvaggio. Più che altro ho letto molte testimonianze di donne che dopo il vaccino mpr, pur avendo aspettato i tre mesi, hanno poi avuto aborti. Se perdessi il bambino, e so che è un'eventualità frequente, rimarrei convinta che è stata colpa del vaccino, preferisco sia colpa del caso eventualmente. Se non fossi stata immune alla rosolia sarebbe stato diverso, ma per il solo morbillo non voglio andare nel panico e mettermi in situazioni brutte, tipo delle Igm che non si abbassano dopo tanti mesi, etc... ma prendere il morbillo in gravidanza crea sempre problemi gravi, o può anche essere superato con successo? Grazie ancora

[#3] dopo  
44918

Cancellato nel 2018
Salve,
rispetto la sua decisione.
Complessivamente il morbillo nella gravida non crea particolari problemi: come sempre ci sono le eccezioni ma mi pare che lei sia una che vede il bicchiere mezzo pieno.
E un ateggiamento positivo è sempre utile.
Cari saluti,
Dott. Caldarola.
Dr. Vincenzo Caldarola.
Medico - Chirurgo.

[#4] dopo  
Utente 278XXX

Grazie ancora di cuore Dottore, gentilissimo!
Cari saluti anche a Lei