Utente 242XXX
Buongiorno.

Vi contatto in merito alla mia situazione. Dopo circa un mese da un rapporto orale (dicembre 2017), ho iniziato ad avere fastidio quando andavo a urinare (gennaio 2018). Poco dopo si è aggiunto anche un dolore al testicolo destro (febbraio/marzo 2018). Ho fatto un tampone uretrale, ma il risultato è stato negativo, quindi anche il mio medico di base pensava si trattasse di un'uretrite. Pensando a quel rapporto orale avuto nel mese di dicembre, ho voluto rifare il tampone uretrale, ma ho fatto anche un esame di urinocoltura e di spermiocoltura. Sembre negativi. Quando ho fatto gli ultimi esami, ho fatto anche un prelievo per verificare la presenza degli anticorpi della clamidia. Risultato positivo con descrizione che ormai l'infezione era passata. Portando i risultati al mio medico, mi è stato comunicato che era inutile prendere degli antibiotici (Azitromicina) visto che l'organismo aveva creato l'anticorpo per l'infezione. Adesso, a 5 mesi esatti dalla prima comparsa dei fastidi, ho ancora un bruciore quando vado a urinare. Volevo solo capire se fosse normale, i tempi di guarigione, se è vero che avendo creato gli anticorpi non c'è nulla che io possa prendere e, soprattutto, se potrei "infettare" se avessi un rapporto non protetto. In poche parole, vorrei sapere se posso stare tranquillo! Grazie.

In attesa di una vostra risposta, porgo cordiali saluti.

[#1] dopo  
Dr. Luigi Laino

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2005
Gentile utente

se vi è presenza di infezione da Chlamidia e la sintomatologia che descrive non ha avuto terapie specifiche, le consiglio di contattare un Venereologo per avere contezza della situazione e stabilire se vi è necessità di una terapia specifica come suppongo

saluti
Dr Laino
Dr. Luigi Laino DermoVenereologo Tricologo
Già Dirigente Istituto San Gallicano
Tel. 06.45.55.06.61
www.latuapelle.it

[#2] dopo  
Utente 242XXX

Salve e grazie per la risposta.

Farò nuovamente gli esami del sangue per verificare la presenza degli anticorpi della clamidia in settimana. Dall'esame fatto in precedenza, i risultati davano un'infezione pregressa (non più in atto). Il mio medico di base e anche l'urologo mi hanno detto che avendo gli anticorpi non c'era altro da fare. L'urologo mi ha consigliato di prendere una sola pillola di Azitromicina (500mg). Cmq in settimana prenoterò anche una visita da un infettivologo. Con questi dati, volevo sapere se posso stare tranquillo oppure una cura da fare c'è anche se il mio organismo ha creato l'anticorpo per l'infezione. Grazie in anticipo!