Utente 424XXX
Gentilissimi,

A fine maggio 2018 mi è stata diagnosticata la sifilide tramite esame in un laboratorio privato con i seguenti valori:

TPHA POSITIVO 1/80
VDRL POSITIVO 1/128

effettuo 2 iniezioni in una unica soluzione di penicillina da 2.400.000 ul.

Il 30 giugno effettuo esami in ambulatorio pubblico con seguenti risultati:

TPHA 1/640
RPR 1/4.

Il medico mi dice che il valore di RPR, pur essendo non direttamente confrontabile con VDRL, è comunque un una scala tendente al basso.

A fine settembre ripeto gli esami per un controllo a 3 mesi ed i risultati sono i seguenti:

TPHA 1/640
RPR 1/4.

Ovvero esattamente UGUALI. Il valore di RPR non è calato per nulla, ma il medico mi dice che prima di valutare altre mosse ci rivediamo di nuovo tra 4 mesi e che comunque l’importante è che non Si sia alzato.

Io sono molto preoccupato.

Come mai RPR non Si è abbassato?

È vero che, comunque, RPR 1/4 fa propendere per una riuscita terapeutica dato che il valore di VDRL era comunque molto alto?

Cosa posso fare per tranquillizzarmi? Qual’e il vostro punto di vista ?

Grazie mille per l’aiuto.

[#1] dopo  
Dr. Luigi Laino

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2005
Gentile utente, prescindere dal fatto che la terapia che effettuato a mio avviso non è completa, i valori di V.d.r.l. che ha inserito non sono mai specifici per la sifilide e possono variare a prescindere da essa. Le consiglio però di confrontarsi con lo specialista di venereologia al fine di avere contezza della terapia e stabilire eventualmente un ulteriore percorso di cura.
Dott.Laino
Dr. Luigi Laino Responsabile Centro Latuapelle - Roma
MST, Tricologia, Laserterapia, Dermochirurgia
www.latuapelle.it

[#2] dopo  
Utente 424XXX

Come mai ritiene non completo il percorso di cura ? Cosa manca a Suo avviso ?

Se può darmi una indicazione più precisa sul suo pensiero posso rivolgermi ad un venereologo ponendo le giuste domande.

Grazie mille !

[#3] dopo  
Dr. Luigi Laino

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2005
La terapia per la sifilide che ha effettuata può essere sufficiente ma è un modello utilizzato in USA; in Italia preferiamo utilizzare protocolli di cura molto più lunghi.

Qualsiasi mio collega potrà essere d'accordo sul mio punto di vista, anche in virtù delle sua analisi cliniche.

saluti
Dr Laino
Dr. Luigi Laino Responsabile Centro Latuapelle - Roma
MST, Tricologia, Laserterapia, Dermochirurgia
www.latuapelle.it

[#4] dopo  
Utente 424XXX

Ok. La ringrazio.

Quindi ora come devo fare ? Torno presso il centro MTS e chiedo di poter essere sottoposto ad un altro ciclo di trattamento ?

Allo stato attuale - premesso che non ho avuto rapporti - sono comunque a titolo informativo ancora infettivo oppure il primo ciclo Di antibiotico ha comunque sortito effetti ?

Ultima domanda: avendo io patologia del sistema immunitario questa può alterare i valori di RPR e VDRL? Ci sono altri marker che posso valutare ?

Grazie .

[#5] dopo  
Dr. Luigi Laino

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2005
Quindi ora come devo fare ? Torno presso il centro MTS e chiedo di poter essere sottoposto ad un altro ciclo di trattamento ?

Perchè no!

Ultima domanda: avendo io patologia del sistema immunitario questa può alterare i valori di RPR e VDRL? Ci sono altri marker che posso valutare ?

si è possibie e ci sono test molto più specifici per la Sifilide perchè VDRL è aspecifica: senta il parere del suo Venereologo

saluti!
Dr Laino
Dr. Luigi Laino Responsabile Centro Latuapelle - Roma
MST, Tricologia, Laserterapia, Dermochirurgia
www.latuapelle.it