Utente 495XXX
Salve Dottori, vorrei un’informazione, ho da poco effettuato una visita preassuntiva durante la quale la pressione era alta, circa 135/70, il dottore aveva capito fosse dovuto ad uno stato emotivo, infatti ha anche visitato il cuore affermando tachicardia , ora la mia domanda è: avrebbe dovuto dirlo se ci fossero state limitazioni o altro? Io non ho ricevuto nessun referto. Inoltre tengo a precisare che non ho nessuna patologia, sono un ragazzo di 19 anni.
C’è il rischio dichiari una non idoneità?
L'assunzione è fra 2 giorni, non mi è stato comunque comunicato nulla riguardo la visita medica, né lasciato nessun referto.

[#1] dopo  
Dr. Domenico Spinoso

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
20% attualità
16% socialità
REGGIO DI CALABRIA (RC)
SAN DANIELE DEL FRIULI (UD)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2018
Gentile utente,
Innanzitutto si rassicuri; una pressione arteriosa pari a 135/70 è del tutto normale.
Detto questo, l’esito del giudizio del medico le deve essere comunicato e per iscritto (art. 41 comma 6-bis del dlgs 81/08) per cui certamente il medico competente che lo ha visitato, definito il giudizio, le farà pervenire il certificato. Se questo non avvenisse, lo richieda al datore di lavoro anche se non dovesse venir assunto. Solo con il certificato può eventualmente proporre ricorso.
In ultimo, non vedo alcun motivo collegato alla sua pressione arteriosa, che ripeto è normale, che possa determinare un giudizio diverso dalla idoneità
Cordiali saluti
Dr. Domenico Spinoso
Medico del Lavoro

[#2] dopo  
Utente 495XXX

Grazie per la risposta;
è stato gentilissimo, se avesse riscontrato qualche anomalia avrebbe dovuto comunque accennarmi qualcosa, non pensa?

[#3] dopo  
Dr. Domenico Spinoso

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
20% attualità
16% socialità
REGGIO DI CALABRIA (RC)
SAN DANIELE DEL FRIULI (UD)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2018
Se avesse riscontrato qualcosa, anche non strettamente in relazione al motivo della visita, non dubito che l’avrebbe informata come deonotologicamente corretto.
Dr. Domenico Spinoso
Medico del Lavoro