Utente 290XXX
salve dottore.sono un ragazzo di 18 anni,1,73cm 59kg e pratico ciclismo agonistico.Ebbene è da un po di mesi che la prestazione atletica è calata notevolmente(frequenze cardiache basse,recupero lento,stanchezza,ecc)dapprima pensavo fosse una sindrome da overtraining,ma dopo più di due mesi di riposo totale la situazione non è cambiata,in oltre ho riscontrato un gonfiore dei linfonodi del collo e inguine..allora il medico mi ha prescritto il test per epstein barr virus,il quale è risultato positivo.Ora io volevo sapere se dopo il decorso naturale della malattia potrò ritornare al livello atletico di prima, e se comunque dovrò prendere integratori o farmaci per compensare le deficienze della malattia...Le confesso ke mi sento incoraggiato dal fatto ke damiano cunego,ciclista professionista, dopo aver contratto la mononucleosi è riuscito a vincere la maglia bianca al tour de france 2006;ma naturalmente l'assistenza medica di un team professionistico è "lievemente" differente da quella che ho io.Allora tornerò come prima, magari seguendo particolari terapie???...La ringrazio in anticipo e distinti saluti... Stefano

[#1]  
Dr. Sergio Lupo

28% attività
0% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
GENZANO DI ROMA (RM)

Rank MI+ 44
Iscritto dal 2003
La mononucleosi, se curata nel modo e nei tempi corretti, non lascia di solito postumi invalidanti per la prestazione. Non deve avere fretta (il riposo è la prima terapia) ed anche alla ripresa dell'attività sportiva dovrà curare la gradualità dell'allenamento.
Si affidi ad uno specialista in medicina dello sport e stia tranquillo (tra l'altro a 18 anni i problemi di recupero sono veramente relativi).
Dottor Sergio Lupo
Dottor Sergio Lupo
Specialista in Medicina dello Sport
www.sportmedicina.com

[#2]  
Dr. Carlo De Michele

24% attività
0% attualità
12% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 36
Iscritto dal 2005
Confermo quanto scritto dal dottor Lupo (col quale ci troviamo costantemente in pieno accordo!) Debbo solo ricordarti che non esiste una terapia specifica per questa malattia e che gli antibiotici che talvolta vengono somministrati possono essere addirittura controproducenti. Se presenti debbono essere curate sintomaticamente le complicanze. Dunque è opportuno solo fare attenzione ad una vita assolutamente igienica e non avere fretta di riprendere l'attività sportiva
Dott. Carlo de Michele
dr. Carlo de Michele
Medico Internista
Spec in Medicina dello Sport
Medicina Manuale Osteopatica

[#3] dopo  
Utente 290XXX

dottore, ma esiste una cura sintomatologica riguardo la stanchezza e la spossatezza muscolare che attualmente accuso? ...grazie in anticipo...

[#4] dopo  
Utente 290XXX

scusate la mia impertinenza.Volevo precisare che la stanchezza l'ho cominciata ad accusare circa a giugno 2006.Da allora ho avuto un calo netto della prestazione atletica, scarso recupero, frequenze cardiache basse e dolori muscolari...pensavo fosse una sindrome da overtraining, ma dopo aver riposato per due mesi la situazione non è cambiata a parte i dolori che sono passati, dato che la stanchezza muscolare(vera e propria mancanza di forza) soprattutto durante l'allenamento non ha cessato di esserci tutt'ora...perciò mi sembrava improbabile che si trattasse di overtraining.Quindi avendo a marzo scoperto di aver avuto la mononucleosi, ho collegato quel malessere di giugno 2006 al virus...Ma è già passato un quasi anno da allora...secondo lei le due cose sono collegate, o sono da considerarsi separatamente?...Grazie in anticipo e distinti saluti...

[#5]  
Dr. Sergio Lupo

28% attività
0% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
GENZANO DI ROMA (RM)

Rank MI+ 44
Iscritto dal 2003
Come già detto anche dal collega Carlo De Michele, non deve avere fretta ma curare alimentazione, igiene di vita e, a guarigione clinica certa, riprendere con gradualità il lavoro sportivo. Ma per fare questo ha bisogno di affidarsi ad uno specialista che possa seguirla e consigliarla ... lo ha fatto?
Dottor Sergio Lupo
Dottor Sergio Lupo
Specialista in Medicina dello Sport
www.sportmedicina.com

[#6]  
Dr. Carlo De Michele

24% attività
0% attualità
12% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 36
Iscritto dal 2005
Credo proprio che sia necessario, con l'aiuto di un Medico che abbia la visione più ampia possibile sia nel compo specificamente medico che in quello sportivo, esminare minuziosamente il tuo stile di vita poichè mi sembra che i disturbi riferiti non necessariamente debbono essere ascritti alla mononucleosi o ad eventi specifici.
Cordiali auguri.
dr. Carlo de Michele
dr. Carlo de Michele
Medico Internista
Spec in Medicina dello Sport
Medicina Manuale Osteopatica