Utente 373XXX
Buongiorno, mi chiamo Alessandro, ho 29 anni e sono di Torino.
Ho un problema ad entrambe le ginocchia da ormai un anno e mezzo, ma non riesco a trovare qualcuno che possa darmi la soluzione. Ho giocato a calcio per 22 anni e non ho mai avuto problemi alle ginocchia fino a qualche anno fa. Il 03 Gennaio 2006, durante la fase di preparazione calcistica per la ripresa del campionato, poco dopo un test basato sulla distanza percorsa in un tempo limite di 12 min, ho avvertito un dolore al ginocchio dx senza alcun motivo apparente (traumi, storte, cadute, cedimenti, eccessivo sforzo). Il dolore si è manifestato come se mi fosse stato inserito uno spillo sotto la rotula, più tendenzialmente nella zona verso l’esterno del ginocchio, ma al tatto non generò dolore. Il ginocchio non è mai gonfiato e non ha mai fatto acqua. A distanza di un anno il problema si è presentato nella stessa forma e misura anche nel ginocchio sx. Rispetto l'anno scorso, in cui il dolore era compreso in una zona del ginocchio, oggi si presenta ben localizzato, o meglio sembrerebbe alla testa del perone, ma non mi sembra un dolore di tipo osseo.
Premetto che nel maggio 1999 sono stato operato al ginocchio sx per lesione totale del L.C.A. Intervento riuscito e ripresa dell’attività sportiva dopo quasi un’anno dalla fisioterapia, ma da quell’intervento il ginocchio non è mai più ritornato lo stesso, qualche volta addirittura cedendomi lateralmente nei cambi di direzione.Ad oggi comunque il legamento risulta correttamente inserito.Lo scrivo perché non so se questa informazione può essere una concausa del problema che ho attualmente.
Inoltre ho anche le ginocchia valghe.
Le ho provate tutte, ho fatto un sacco di visite in studi privati ed esami. Ho fatto 3 volte la risonanza magnetica in tre diversi centri (dietro consiglio medico per cambiare tipo di macchinario) e diverse radiografie. Le risonanze non hanno riscontrato nulla, i legamenti non sono assottigliati e i menischi sono integri, inoltre non ci sono pliche sinoviali. L’unica cosa riscontrata è stata una tendinite al tendine rotuleo, problema risolto abbastanza velocemente con massoterapia. Le diagnosi sono state svariate, c’è stato chi ha detto che si trattava di pliche non rilevate dalla risonanza, chi ha detto che era probabilmente una lesione radiale del menisco esterno, chi mi ha consigliato un intervento esplorativo,chi mi ha parlato di semplice usura e di cessare il tipo di sport che sollecita le ginocchia!
Ho fatto sedute di massoterapia, magnetoterapia, ionoforesi, laserterapia, ma il risultato è stato che, ad oggi, ho dolore se faccio attività fisica, corsa specialmente, dopo circa 25/30 minuti con andatura blanda. Alcune volte quando mi alzo da seduto o scendo le scale, o ancor peggio quando cammino in discesa. Lo stesso dolore l’ho avvertito anche dopo che le ginocchia sono sottoposte a dei carichi pesanti, per esempio durante un trasloco. Di contro, in posizione eretta e da fermo non fa male, anche se carico il ginocchio con il mio peso (altezza 1.85 peso 90kg). Una sola precisazione, dopo le sedute di massoterapia (infiltrazioni di anti infiammatori senza cortisone e massaggi localizzati ) sono riuscito a correre per circa due mesi senza problemi, anche a velocità sostenuta.
Senza attività sportiva mi sento perso, e la palestra non mi soddisfa.
Ringrazio anticipatamente per il tempo dedicatomi.
Cordiali saluti.

[#1]  
Dr. Simone Cigni

28% attività
0% attualità
12% socialità
VOGHERA (PV)
MILANO (MI)

Rank MI+ 40
Iscritto dal 2005
E' necessario visionare il ginocchio e tutti gli esami eseguiti per dare un parere attendibile. Potrebbe trattarsi di un problema di femororotulea. E' da controllare anche il ginocchio controlaterale.
Cordialità
Dr Simone Cigni

[#2] dopo  
Utente 373XXX

Buongiorno Dott. Cigni,
innanzitutto volevo ringraziarla per la disponibilità, in secondo luogo volevo chiederle se, qualora si trattasse di problemi di femoro-rotulea come da lei ipotizzato, è sempre necessario un intervento correttivo o potrebbe essere sufficiente della fisioterapia mirata? Per curiosità personale, com'è possibile che il disallineamento della rotula porti il dolore fin alla testa del perone?
Grazie mille.
Saluti

[#3]  
Dr. Simone Cigni

28% attività
0% attualità
12% socialità
VOGHERA (PV)
MILANO (MI)

Rank MI+ 40
Iscritto dal 2005
generalmente il problema si risolve con un buon fisioterapista. Chiaramente il tutto va inquadrato clinicamente e anatomicamente. Personalmente riservo l'intervento chirurgico ai casi ribelli o più gravi. Il dolore peroneale è assolutamente atipico in questi casi e va valutato clinicamente.
Cordialità
Dr Simone Cigni