Utente 165XXX
salve dr.,
sono un ragazzo di 22 anni in perfetta saluta (a mio dire)ma giorno 8 devo effettuare il SETE perché sono affetto da pre-eccitazione ventricolare (sind. WPW) e anche se sono asintomatico al 100%, per avere l'idoneità agonistica devo accertarmi di non avere possibili aritmie...
nell'ultimo periodo sto usando il Vicks come vasocostrittore per il naso,
dunque le mie domanda sono:

potrebbe interferire l'uso del Vicks con il SETE?
e quante possibilità ho che il SETE risulti "positivo"?

graazie e cordiali saluti

ps: pratico sport tra il quale body building, boxe e corsa (tutto a livello amatoriale) e non ho mai avuto un sintomo!

ps: l'idoneità agonistica mi serve per poter effetuare la domanda per l'esercito

[#1] dopo  
Dr. Fabio Fedi

Referente scientifico Referente Scientifico
28% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2008
L'uso prolungato di vasocostrittori nasali è senz'altro sconsigliabile per numerosi motivi (e La invito a formulare un quesito in tal senso in area Otorinolaringoiatria), ma non può in alcun modo influire sul risultato dello studio elettrofisiologico.
Esso, infatti, ha lo scopo di evidenziare la presenza o meno di una via di conduzione anomala (accessoria) e se l'eventuale presenza di quest'ultima possa causare l'innesco di aritmie. In altre parole, se c'è questa variante anatomica nel sistema di conduzione del Suo cuore, non c'è nulla che possa occultare o esaltare la sua presenza.
Stia tranquillo quindi, e in bocca al lupo per il concorso nelle Forze Armate.
Fabio Fedi, MD
Specialista Cardiologo

[#2] dopo  
Utente 165XXX

grazie mille dr. Fedi, non sa che ansia che sto avendo per domani!!!

il Vicks lo uso perché ho il setto nasale interno leggermente deviato e siccome lo scoperto in piena estate non ho potuto operare, ma lo farò senz'altro il prima possibile...

mi tolga una curiosità, (non so se esiste una percentuale a tal proposito) in termini di percentuali, per chi ha sindrome WPW asintomatica, quant'è il rischio che col SETE risulti la possibilità di innesco di aritmie?


grazie per la pazienza e distinti saluti

ps: crepi il lupo

[#3] dopo  
Dr. Fabio Fedi

Referente scientifico Referente Scientifico
28% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2008
Personalmente non conosco la percentuale che Lei richiede, ma ritengo che non abbia molta importanza: lo scopo di questa procedura è scoprire la possibilità che il paziente portatore di WPW vada incontro nel corso della sua vita ad episodi di aritmie potenzialmente pericolose, e quindi poter prendere i necessari provvedimenti.
Mi rendo conto che per Lei in questo momento è necessario che il test risulti negativo per la partecipazione al concorso, ma il risultato negativo sarebbe ancora più importante per la Sua salute!
Cordiali saluti, e se vuole, ci faccia sapere com'è andata.
Fabio Fedi, MD
Specialista Cardiologo

[#4] dopo  
Utente 165XXX

la ringrazio tanto...
glielo farò sapere senz'altro...

la ringrazio di nuovo, cordiali saluti!

[#5] dopo  
Utente 165XXX

salve dr.,
oggi non mi è stato possibile effettuare il SETE per problemi di personale, lo farò sicuramente il 16.

adesso le volevo chiedere una cosa, e cito i dati del mio ultimo elettrocardiogramma:

FC 76/min

intervalli:

RR 790ms
P 78ms
PQ 102ms
QRS 122ms
QT 380ms
QTC 432ms

Asse el.: P (II) 0.10mV
P 45° S (V1) -0.60mV
QRS -24° R (V5) 3.04mV

tra l'altro mi sono stati rilevati (con ecocardiogramma) due leggeri soffi al nodo AV.

adesso ho letto che (cito) nel caso di "fascio di Kent" il fronte di eccitazione può procedere contemporaneamente attraverso la via accessoria e il NAV (credo si parli del nodo AV) attivando i ventricoli prematuramente rispetto il normale.

E' possibile che i soffi siano dovuti sempre alla preeccitazione ventricolare?

la ringrazio anticipatamente distinti saluti

[#6] dopo  
Dr. Fabio Fedi

Referente scientifico Referente Scientifico
28% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2008
I soffi "al nodo AV" semplicemente non esistono, di certo si tratta di un equivoco.
Il soffio, infatti, è un reperto auscultatorio che il medico può apprezzare SOLO utilizzando le proprie orecchie con l'uso del fonendoscopio, mentre con l'ecocardiogramma colordoppler si evidenziano eventuali anomalie delle valvole cardiache che possono causare turbe del flusso di sangue responsabili del soffio stesso.
Invece, il nodo AV è una struttura del sistema di eccito-conduzione cardiaca, la cui funzionalità viene indagata appunto dallo studio elettrofisiologico, e non può mai essere sede di "soffi".
Mi rendo conto che la faccenda è abbastanza complicata, e cercando maggiori delucidazioni su Internet è molto probabile che le idee si ingarbuglino sempre più.
Le consiglio quindi di vivere con maggiore serenità la Sua situazione, che probabilmente non risulterà di particolare rilevanza clinica.
Cordiali saluti

Fabio Fedi, MD
Specialista Cardiologo

[#7] dopo  
Utente 165XXX

grazie 1000 dr. fedi,

il mio prossimo "intervento" sarà per informarla sull'esito del SETE...

cordiali saluti

[#8] dopo  
Utente 165XXX

salve dr. Fedi,
oggi ho effettuato la visita in Day Hospital per il SETE e come le avevo detto le dirò come è andata...

(cito in sintesi)

Diagnosi di dimissione:
Sindrome WPW da via anomala verosimilmente anteriore dx

esami obiettivi all'ingresso:
toni cardiaci:ritmici
polsi: normosfigmici
torace: M.V. fisiologico
soffi: sistolico 1/6 L. su punta centrum
giugulari: appanante

sintesi clinica:
il paziente con anamnesi negativa per cardiopalmo e sincope, è stato ricoverato a seguito del riscontro di segni elettrocaligrafici di wolff..., per valutare il profilo di rischio...
...
nel corso del ricovero sono stati eseguti i seguenti esami strumentali:
ECG:ritmo sinusale a 88/m' - PQ 0,10'' - onda delta positiva da V2 a V6, D1 e aVL (via anomale verosimilmente a dx)
stimolazione atriale transesofagea eseguita all'acme dello sforzo (al cicloergometro) senza inducibilità di fibrillazione atriale (Burst per 10'' a 550/m', 600/m''e 800/m'' per due volte)
in considerazione della mancata inducibilità della fibrillazione atriale può essere ipotizzato, indirettamente un basso profilo di rischio (non vulnerabilità per fibrillazione atriale, anche se non è stato possibile calcolare l'R-R minimo in corso di fibrillazione atriale)
si comunica comunque una strategia aggressiva di ablazione della via anomala. non neccessaria in atto terapia medica cardiologica.

Le devo comunque dire che sono pienamente soddisfatto di come sia andata, perché parlando col primario, è rimasto scettico sul fatto che io possa partire per l'esercito (nonostante il test non sia stato "positivo") in quanto la sindrome WPW di fatto resta...
mi ha consigliato qualche centro sul quale fare l'ablazione ma per il momento ho scelto di pensarci bene sul da farsi e provare ad entrare cosi nell'esercito...

Lei per caso sà se presentando questo esame all'atto della visita militare (dove fanno elettrocardiogramma) possa essere considerato idoneo?

grazie davvero molto, distinti saluti.

[#9] dopo  
Dr. Fabio Fedi

Referente scientifico Referente Scientifico
28% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2008
Non ho esperienza sui criteri di arruolabilità delle FF.AA., ma credo che esibendo questo esame dove è evidenziato il basso profilo di rischio avrà di certo qualche possibilità in più.
Mi congratulo per l'esito dell'esame e Le formulo il più sentito "in bocca al lupo"!
Fabio Fedi, MD
Specialista Cardiologo

[#10] dopo  
Utente 165XXX

crepi il lupo... :)
grazie mille e saluti dr. Fedi

[#11] dopo  
Utente 165XXX

salve dr Fedi,

è passato tanto tempo dal mio consulto, la vorrei aggiornare!

giorno 26 nov, ho fatto l'ablazione.

dallo studio endocavitario, il fascio è risultato tipo kent postero settale destro/ostio CS...

l'ablazione è durata 90 sec a 20W (52°C) (1 RF + 2 RF di consolidamento)

adesso dall'ECG risulta tutto nella norma, tranne che nel parte DIII e aVF le onde T sono negative (inverse)...
mi hanno detto che non è niente di preoccupante e che a capita nelle ablazioni...

vorrei sapere cosa cambia?

grazie e distinti saluti.

ps: il 17 febbraio ho prenotato l' ECG HOLTER

[#12] dopo  
Dr. Fabio Fedi

Referente scientifico Referente Scientifico
28% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2008
L'inversione della polarità dell'onda T in quelle derivazioni è sicuramente conseguente alla procedura di ablazione, e non ha alcun significato clinico, così come è del tutto ininfluente se nel corso del tempo si avrà una "normalizzazione" o meno.
Tutto bene, quindi!
Cordiali saluti
Fabio Fedi, MD
Specialista Cardiologo

[#13] dopo  
Utente 165XXX

ho capito...
grazie mille lei è stato di grande aiuto insieme ai suoi colleghi del sito nel farmi prendere la decisione di fare l'ablazione, e a mio dire giusta sebbene non avevo sintomi...
mi tolga solo un ultima curiosità... come mai mi è stata prescritta cardioaspirina (acido acetil salicilico) per un mese?

la ringrazio anticipatamente, distinti saluti