Utente 209XXX
Buonasera.
Mio figlio ha 12 anni e gioca agonisticamente a calcio. In seguito a continui dolori alle ginocchia, che aumentavamo con l'attività sportiva, gli é stata diagnosticata la sindrome di Sinding Larsen (dopo aver fatto visita e lastre). Oltre al riposo, arnica (gel e pastiglie), ghiaccio, ho chiesto se potesse essere indicato il taping e mi é stato detto di sì. Purtroppo il medico aveva fretta e mi ha liquidato dicendo che è in grado di farlo solo il fisioterapista della squadra e non ho potuto approfondire, come avrei voluto.
Vorrei sapere:
1) se é curativo, oppure "preventivo", ovvero se conviene farlo prima che inizi il dolore e quindi prima di ogni partita e sin fa subito all'inizio della stagione.
2) Inoltre, vorrei sapere come farlo (per la sindrome di Sinding Larsen), perchè ho letto che il migliore taping è quello che si fa il diretto interessato.
3)Infine, visto che questa sindrome é tipica dell'età e della crescita, considerando è al I stadio puberale ed è alto 160 ( con papà 194 e mamma 177), quando potrebbe passargli?
4) é normale che sia così dolorosa (mio figlio sopporta normalmente bene il dolore e l' ho visto soffrire...)

[#1]  
Dr. Giuseppe Attisani

20% attività
0% attualità
4% socialità
RIMINI (RN)
RAVENNA (RA)

Rank MI+ 24
Iscritto dal 2011
Ritengo che l unica vera terapia sia il riposo eventualmente associato a ghiaccio e antinfiammatori locali La patologia si risolve spontaneamente in un lasso di tempo variabile in base a troppi fattori per poter essere previsto senza una visita ( un mese-un anno). Può essere molto fastidiosa.
Dr. Giuseppe Attisani

[#2] dopo  
Utente 209XXX

La ringrazio del riscontro.
Per quanto riguarda le domande nr 1) e 2), volendo gestire al meglio l'insorgenza del dolore, cosa mi puó dire?
Grazie in anticipo.