Utente 246XXX
Gentili dottori, scrivo un consiglio sulla pubalgia,
Mi hanno diagnosticato una pubalgia all'anca sinistra due mesi fa, che parte dall'inguine e scende verso la coscia interna: sotto consliglio medico ho fatto 10 seduto di tecarterapia, prendendo antinfiammatori per via orale come il "Fortilase" , o antinfiammatori da mettere direttamente sulla coscia come il Pensaid. Dopo due mesi e mezzo però , provando ad alzare la gamba dove sentivo dolore, sento ancora un fastidio specialmente sulla zona interna della coscia, cosa che non sento sulla coscia destra. Tale fastidio è una cosa normale?, oppure devo ancora stare a riposo? Un pò di stretching , e mettere del ghiaccio sulla parte dolonte, può rendere più veloce la guarigione , ammesso che debba ancora guarire dato che può essere una cosa normale quel fastidio.
In attesa del consiglio, vi ringrazio per l'attenzione!

[#1] dopo  
Dr. Pasquale Bergamo

36% attività
4% attualità
12% socialità
SCALEA (CS)

Rank MI+ 52
Iscritto dal 2010
Ritorni dallo specialista che l'ha visitata e si sottoponga ad un controllo: magari le suggerirà di eseguire qualche esame più approfondito.
Saluti
dr Pasquale Bergamo

[#2] dopo  
Utente 246XXX

La pubalgia , nonostante abbia fatto 10 sedute di tecarterapia , antinfiammatori ecc... potrebbe durare lo stesso anche per un anno per esempio? Lo stretching e dei massaggi possono velocizzare la guarigione?

E se dovessi andare dallo specialista che mi ha visitato, come mi suggerisce, lui potrebbe controllare il mio stato di infiammazione e quindi dei miglioramenti per esempio facendomi fare delle radiografie o ecografie, e quindi potrebbe dirmi quando mi rimane ancora per guarire? Anche se le ecografie le avevo fatte e non era apparso nulla di strano....

Grazie in anticipo!

[#3] dopo  
Dr. Pasquale Bergamo

36% attività
4% attualità
12% socialità
SCALEA (CS)

Rank MI+ 52
Iscritto dal 2010
Si penso che i suoi disturbi, che stanno durando tanto tempo, debbano essere approfonditi con eventuali esami strumentali del bacino e della regione pubica. Si rivolga al suo specialista di fiducia e gli esponga il persistere dei disturbi nonostante il tempo trascorso e le ottime terapie fisiche da lei eseguite.
Saluti
dr Pasquale Bergamo

[#4] dopo  
Utente 246XXX

grazie mille