Utente 856XXX
Salve, sono un uomo di 39 anni e da circa 3 mesi ho cominciato a correre 3 volte a settimana. Al momento mi alleno per circa 50 - 55 minuti (circa 9 - 10 km), ma da qualche tempo dopo circa 15 - 20 minuti di corsa, accuso dei dolori all'addome e precisamente al di sotto delle costole sul lato destro (poco più sotto del fegato). Il dolore è molto simile a quello della milza quando si è sotto sforzo, ed aumenta appunto quando corro più velocemente, scomparendo o quasi non appena rallento o mi fermo. Ho notato che riesco a tenere sotto controllo il dolore se diminuisco l'andatura e respiro profondamente e spesso (quasi iperventilando); Spesso ho l'addome gonfio e dopo la corsa questo sintomo peggiora, infatti a volte mi vengono delle piccole coliche addominali. In alcuni miomenti della giornata il dolore in questione mi viene spontaneamente ma con intensità molto bassa. Dopo aver effettuato una ecografia all'addome (fegato reni milza vescisa cistifellea etc...con esito negativo) il mio medico di base mi ha sottoposto ad una visita; secondo quest'ultimo il problema sarebbe legato a un'irritazione del colon pertanto mi ha prescritto un integratore specifico (SOMACOL); Dopo averne assunto una scatola, non ho trovato alcun giovamento, pertanto ho interrotto la cura. Sulla base dei sintomi ed esami effettuati, secondo voi il problema potrebbe essere dovuto effettivamente al colon? Dovrei fare altri esami? E se si, quali? Faccio presente che seguo un'alimentazione priva di alcool fritture sughi cibi molto elaborati, non fumo. Grazie anticipatamente

[#1] dopo  
Dr. Francesco Quatraro

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
16% attualità
20% socialità
ACQUAVIVA DELLE FONTI (BA)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2012
Gentile utente,
le avevo fornito risposta nella sua richiesta di consulto del 07/06/2012

https://www.medicitalia.it/consulti/Medicina-dello-sport/286957/Dolore-sotto-sforzo-corsa-sotto-al-fegato

Se qualche altro collega avesse voluto o vorrà risponderle,
è abilitato a fornire altri suggerimenti sullo stesso consulto,
pertanto non v'è bisogno di riproporre l'identico consulto nello stesso ambito.

Traggo dalle linee guida:
https://www.medicitalia.it/02it/guida-consulti.asp

"prima di richiedere un consulto assicurati di effettuare una ricerca nei consulti già forniti: le richieste simili a quelle che già hanno avuto risposta non saranno pubblicate".

Ovviamente mi corre l'obbligo di segnalare l'evento allo staff.

Saluti
Responsabile U.O. di Endoscopia Digestiva Osp. MIULLI
www.enterologia.it
www.transnasale.it