Utente 263XXX
Buonasera sono una ragazza di 30 anni,pratico pugilato a livello agonistico da 6 anni e negli ultimi tre anni ho iniziato a praticare anca kick boxing.ho osservato nell'ultimo anno e mezzo un calo nelle prestazioni fino a circa tre mesi fa',quando il mio maestro prendendomi i battiti mi ha fermato perche' in sovrallenamento.effettivamente ero costantemente stanca i battit anche a rippso mi si erano alzati e nn riuscivo piu' a rendere come prima.sono stata ferma poco piu' di dieci giorni ,sono tornata. Ad allenarmi e la sensazione di stanchezza se. Ne' andata ma il recupero cardiaco mi da ancora non pochi problemi,dopo lo sforzo il recupero nel primo min e' abbastanza buono ,ma poi si " blocca" e recupero molto piu' lentamente e dopo l' allenamento i battiti restano altini x parecchio.potete dirmi se si tratta ancora di sovrallenamento e consigliarmi delle visite o esami da fare x risolvere questo problema.( gia' fatto holter ed e'tutto a posto esami del sangue perfetti ogni tanto sotto stress ho qualche extrasistole ma il medico dopo ecg mi ha detto che nn e' nulla e che e' legato allo stress,la prox sett ho una vista da un cardiologo) grazie mille . Eleonora

[#1] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2009
È opportuno che lei esegua un ecocolordoppler cardiaco, per valutare la volumetria ventricolare sinistra e la contrattilità.
Cordialità
Cecchini
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza

[#2] dopo  
Utente 263XXX

Mille grazie per lasua cordialita'.vorre porle qualche altra domanda, nel frattempo ho effetuato una visita cardiologica con ecocardiogramma.il cardiologo dopo elettrocardiogramma e visita mi ha detto che la difficolta' di recupero e di "prendere aria" e' ansia(ne ho gia' sofferto)ma poi con l'eco si e' accorto che ho un leggero soffio dovuto a un leggero prolasso della mitrale con lieve rigurgito.mi ha consigliato di fare ecg da sforzo x escludere eventuali aritmie sotto sforzo,che mi ha detto possono essere causa di morte improvvisa nell'atleta.poi mi ha anche tranquillizato dicendomi che quasi sicuramente nn ci sara'nulla che nn va' xke' nn avrei potuto praticare sport ad un livello cosi' impegnativo ( nella boxe lavoriamo spesso con battiti che si aggirano sui190al min) e cmq 15 giorni fa' ho eseguito un olter tenendolo durante un allenamento ed era tutto apposto.volevo chiederle,il prolasso puo centrare con questa mia grande stanchezza e con la difficolta' di recupero? E nel caso in cui l'ecg da sforzo dica che e' tutto a posto potro' continuare a praticare sport in sicurezza?la ringrazzio molto eleonora.

[#3] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2009
Vede , a nessun cuore fa bene andare a 190 battiti al minuto. Se a lei piace fare ciò che fa, non è detto che al suo cuore piaccia. Quelle frequenze non sono fisiologiche.
Arrivederci
Cecchini
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza

[#4] dopo  
Utente 263XXX

Mi scusi,ma gli allenamenti da noi praticati sono studiati e appositi per ogni disciplina quindi nn capisco il "nn sono fisiologiche", siamo seguiti da istruttori preparati che ci fanno lavorare per riuscire a portare o battiti a quelle frequenze in allenamento per un miglior rendimento in gara.sono allenamenti eseguiti anche dalle varie nazionali dove gli atleti sono ben seguiti ,quindi proprio nn capisco le sue affermazioni.

[#5] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2009
Non sono fisiologiche dal momento che , per la sua eta', la sua frequenza massimale sarebbe circa 170 bpm e quindi non dovrebbe superare l' 85% di detta soglia.
Gli istruttori saranno anche "ben preparati" come dice lei, ma non possono certo andare contro quella che e' la fisiologia del cuore umano.
Per intenderci, nessun motore dura a lungo se lei lo fa andare frequentemente "fuori giri".
Spero di essere statop chiaro
Arrivederci
cecchini
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza