Utente 612XXX
Salve,

Vorrei proporre il mio caso.
Due settimane fa mi sono recato da un centro di medina sportiva per il consueto rinnovo annuale del certificato di idoneità agonistica per lo sport ciclismo (Ho 54 anni). Il medico non mi ha rilasciato il certificato d'idoneità, riscontrandomi un soffio protomesosistolico 2-3/6 con pressione arteriosa 140/100 e 200/100 dopo lo sforzoconsigliandomi un esame ecordiografico. L'ecordiogramma ha dato come esito: una normale concordanza antrioventricolare e ventricolovasale; integrità del setto interatriale e del setto interventricolare; non segni di coartazione aortica; lieve ipertrofia del ventricolo sinistro che presenta normali cinesi segmentaria e funzione sistolica; valvola mitrale normale; normale rapporto transmitralico E/A; lieve-moderata insufficienza aortica da dilatazione (45mm) con dubbia biscupidia della valvola. Per quest'ultimo dubbio di bicuspidia ho eseguito un eco transesofageo con il seguente esito: la valvola aortica è normotriscuspidata, le cuspidi sono sottili e mobili; il bulbo aortico presenta dimensioni conservate (anulus 24mm; seni di Valsava 39mm; giunzione sinotubulare di 32mm); la geometria della giunzione sinotubolare è conservata; si conferma una moderata dilatazione della'aorta ascendente, mentre arco e aorta discendete presentano calibro normale (28 e 27mm rispettivamente).

Secondo il cardiologo che ha effettuato questi esami, i valori mi consentirebbero di riprendere l'attività sportiva, ma ciò nonostante centro di medina dello sport non mi ha rilasciato il certificato di idoneità. Mi chiedo se secondo lei, questi valori possono essere validi per ottenere il rinnovo del certificato e se in caso contrario, a quali rischi vado incontro se continuassi nell'attività sportiva (anche non agonistica) ed eventualmente quali precauzioni potrei prondere.

[#1]  
Dr. Renato Casana

24% attività
0% attualità
8% socialità
MILANO (MI)

Rank MI+ 32
Iscritto dal 2007
Caro Utente, nell’adulto l’aorta toracica presenta un diametro di circa 3 cm all’origine, di 2.5 cm nella porzione toracica discendente. Si considera aneurismatica una dilatazione dell’aorta che a seconda dei vari segmenti superi i 4 cm mentre l’indicazione all’intervento per l’aneurisma dell’aorta toracica è generalmente da considerarsi per un Daortico pari a 5.5-6 cm. Generalmente si riconoscono aneurismi: degenerativi (ectasia anuloaortica, aterosclerosi), congeniti (sindrome di behcet, sindrome di marfan, sindrome di ehlers-danlos), infiammatori (arterite di takayasu, arterite a cellule giganti), infettivi (endocardite infettiva). Nel suo caso non si parla di aneurisma ma di estasia (lieve dilatazione non di interesse chirurgico). Inoltre Lei presenta una lieve-moderata insufficienza valvolare aortica. E’ quindi importante monitorare questa estasia aortica mediante uno screening cardiologico. L’angio-TC multistrato con ricostruzioni 3D è l’esame da eseguire per valutare il diametro aortico mentre l’ecocardiocolordoppler e/o ecocardio-transesofageo sono gli esami diagnostici per valutare l’entità dell’insufficienza valvolare aortica (esami da Lei già eseguiti). Credo sia utile ed interessante nel suo caso eseguire una “prova da sforzo su cicloergometro con ecocardiocolordopler alla soglia di frequenza massima”. Questo esame permette di capire i seguenti parametri durante lo sforzo:
- Presenza di aritmie e/o disturbi di conduzione
- Come si modifica la pressione sisto-diastolica ed i diametri delle cavità cardiache
- Se vi sono modificazioni della funzionalità valvolare aortica durante lo sforzo.
Credo quindi sia giustificato il non volerLe rilasciare il “certificato di idoneità agonistica” ma da medico e ciclista, le posso comunque consigliare di proseguire la sua attività ricreativa ciclistica senza preoccupazioni. R. Casana per saperne di più può consultare il sito web: http://www.renatocasana.it/ Cordiali saluti Arca Medica http://arcamedica.net/
Dott. Renato Casana
Responsabile Chirurgia Vascolare e Angiologia
Istituto Auxologico Italiano IRCCS
Dipartimento Chirurgico Capitanio

[#2] dopo  
Utente 612XXX

La ringrazio per la sua cortese, celere e esauruente risposta. In questi giorni prenetorò la prova da sforzo su cicloergometro con ecocardiocolordopler, come da lei consigliato. Secondo lei se l'esito di questo esame non rileva nè presenza di aritmie nè presenta anomalie di pressione e funziamento valvori, potrei avere le condizioni di presentare ricorso, oppure, in ogni caso, con la dilatazione dell'aorta ascedente già diagnosticata non ho alcuna possibilità?

Colgo l'occasione per augurarle una Buona Pasqua!

[#3]  
Dr. Renato Casana

24% attività
0% attualità
8% socialità
MILANO (MI)

Rank MI+ 32
Iscritto dal 2007
Indipendentemente dal risultato dell'esame, non credo sia giustificato presentare ricorso per il “certificato di idoneità agonistica”. Le auguro di proseguire la sua attività ciclistica con divertimento e senza preoccupazioni. R. Casana Per saperne di più può consultare le diapositive sull'argomento http://picasaweb.google.com/casana1 Cordiali saluti Arca Medica http://arcamedica.net/
Dott. Renato Casana
Responsabile Chirurgia Vascolare e Angiologia
Istituto Auxologico Italiano IRCCS
Dipartimento Chirurgico Capitanio

[#4] dopo  
Utente 612XXX

La ringrazio nuovamente e colgo l'occasione per chiederle un'ulteriore cosa. Leggendo che anche lei pratica ciclismo, vorrei sapere, usando un cardiofrequenzimetro ad ogni uscita, a quale frequenza cardiaca potrei pedalare in sicurezza (specialmente in salita), senza rischiare di peggiorare ulteriormente la mia situazione.

Saluti.

[#5]  
Dr. Renato Casana

24% attività
0% attualità
8% socialità
MILANO (MI)

Rank MI+ 32
Iscritto dal 2007
Caro Utente, per far seguito alla sua domanda dovremmo entrare in un campo estremente interessante quanto complesso della Medicina Sportiva. In breve (come cicloamatore) le consiglio di evitare di raggiungere intensità vicine a quelle massime teoriche o comunque superiori all’85% della frequenza cardiaca massima (frequenze riservate all’attività competitiva-agonistica). La frequenza cardiaca massima (Fcmax) può essere definita come la massima frequenza di contrazione del cuore che un individuo può raggiungere in risposta ad un esercizio fisico di intensità massimale.
Essa può essere individuata in modo diretto cioè attraverso la rilevazione della frequenza cardiaca durante l’esecuzione di un esercizio massimale o in modo indiretto attraverso un calcolo basato sull’età della persona. Nel primo caso (metodo diretto) la Fcmax si ottiene sottoponendosi ad un test massimale consistente in un esercizio su cicloergometro, a intervalli di intensità crescente che conduce l’atleta al massimo delle sue capacità. La Fcmax individuata con il metodo indiretto è un valore standardizzato in funzione dell’età. Il valore di Fcmax teorica, infatti si ricava dall’applicazione della seguente formula (Fcmax = 220 – età). Secondo questa formula una persona di 55 anni ha una Fcmax teorica di 165 bpm: 220 - 55 = 165 bpm (Fcmax teorica). Nel suo caso quindi le consiglio di svolgere la maggior parte della sua attività ciclistica senza superare l’85% della frequenza cardiaca max (riservata all’attività agonistica) mantenendo quindi con valore massimo di riferimento la frequenza di 140-145 battiti per minuto. Buon divertimento! Se vuole far parte dello nostro prossimo cicloraduno con relativa maglia (Milano Settembre 2008) contatti il nostro Centro “ArcaMedica”. www.arcamedica.net Cordiali Saluti Dott. R. Casana www.renatocasana.it
Dott. Renato Casana
Responsabile Chirurgia Vascolare e Angiologia
Istituto Auxologico Italiano IRCCS
Dipartimento Chirurgico Capitanio

[#6] dopo  
Utente 612XXX

Buon Giorno,

Come da lei consigliatomi, mi sono informato riguardo all'esame“prova da sforzo su cicloergometro con ecocardiocolordopler alla soglia di frequenza massima”, presso gli ospedali della mia zona, ma ho riscontrati che in tutte le cliniche mi possono fare la prova da sforzo e l'ecocardiocolordopler in giorni diversi e non, contemporaneamente (come credo di aver inteso dalla sua prima risposta).
Vivendo io vicino a Milano, mi chiedevo se fosse possibilie fare questi test presso il suo studio.

Saluti.

[#7]  
Dr. Renato Casana

24% attività
0% attualità
8% socialità
MILANO (MI)

Rank MI+ 32
Iscritto dal 2007
Caro Utente,
Sper sia riuscito ad eseguire la prova da sforzo su cicloergometro con ecocardiocolordopler. Colgo l'occasione per invitarla al cicloraduno di ArcaMedica che si terrà il 14 Settembre 2008 a Milano. Spero di farle cosa gradita. R. Casana (Web site: http://arcamedica.net/page_1212428957241.html)
Dott. Renato Casana
Responsabile Chirurgia Vascolare e Angiologia
Istituto Auxologico Italiano IRCCS
Dipartimento Chirurgico Capitanio

[#8] dopo  
Utente 612XXX

Purtroppo l'esame non l'ho ancora effettuato, in quanto nei vari ospedali della mia zona non pare essere disponibile.
Farò il possibile per essere presente alla manifestazione del 14 settembre con i miei due figli, anche loro ciclisti.
Nuovamente, la rigranzio per le sue cortesi risposte.

Cordiali Saluti.

[#9] dopo  
Utente 612XXX

Buon Giorno,

a distanza di diversi mesi le scrivo nuovamente aggiornandola con l'ultimo esame, un ecocardiocolordoppler, eseguito pochi giorni fa.
Ho riscontrato valori diversi rispetto al precedente di cui ho scritto qui sopra:
Bulbo aortico 38mm;
Atrio sx 34mm;
Diametro telediastolico 48mm;
Diametro telesistolico 28mm;
Spessore setto 11mm;
Parete posteriore 10mm;
Aorta Ascedente 35mm;
volume telediastolico 81ml;
volume telesistolico 28ml;
frazione d'Eiezione calcolata 65%;
frazione d'Eiezione stimata 0%;
Valvola mitrale trascurabile;
aorta insufficienza media;
stenosi no.
Visti i miglioramenti rispetto all'anno precedente, secondo lei, questi sono valori che mi possano permettere di ottenere il certificato d'idoneità agonista? Ricordo che nell'ultimo anno, ho svolto attività ciclistica moderata e non agonistica.
La rigranzio nuovamente e prendo occasione per porgli i miei più cordiali saluti!