Utente 259XXX
Salve!
Da gennaio entrerò a far parte di una squadra di tiro con carabina a 10 metri e farò competizioni a livello agonistico. Mi è stato detto che forse servirà un certificato di idoneità all'attività sportiva agonistica. Una cosa mi preoccupa: soffro della cosiddetta "ipertensione da camice bianco". Ho effettuato tempo fa un holter pressorio che ha rilevato valori nella norma di pressione massima, mentre la minima si attesta su valori borderline (mediamente è sugli 85/86). Comunque ho effettuato una visita cardiologica che non ha evidenziato problemi di alcun tipo e il cardiologo mi ha detto che probabilmente la pressione gioca questi scherzi perché sono un tipo ansioso. Ho fatto anche un ecocardiogramma e il medico che lo ha eseguito mi ha rassicurato dicendomi che non sono iperteso in quanto, anche con una lieve ipertensione protratta per anni, qualche alterazione seppur minima ci sarebbe.

Se il medico dello sport mi troverà la pressione un po' alta (tipo 140/95), come sicuramente accadrà dato che tendo ad agitarmi davanti ai medici, mi firmerà il certificato di idoneità all'attività sportiva agonistica per il tiro a segno? Per questo sport che accertamenti sono previsti per il rilascio del certificato?

[#1] dopo  
Dr. Uberto Maria Santoboni

24% attività
0% attualità
12% socialità
ASSEMINI (CA)
SESTO SAN GIOVANNI (MI)

Rank MI+ 36
Iscritto dal 2008
Buongiorno, ovviamente, come facilmente comprenderà, è impensabile poter rispondere a distanza alla domanda: "Se il medico dello sport mi troverà la pressione...dato che tendo ad agitarmi davanti ai medici, mi firmerà il certificato di idoneità all'attività sportiva agonistica per il tiro a segno?".
Sarà il collega Specialista in medicina dello Sport, al quale la invito a rivolgersi con fiducia, che valuterà il suo quadro clinico, visionando anche gli accertamenti che lei ha già eseguito.
Per quanto riguarda il protocollo per l'attività agonistica per il tiro a segno, è una visita del tipo "A3", che prevede:
- visita clinica del Medico dello Sport
- Esame urine
- ECG a riposo
- Visita Otorinolaringoiatrica
- Esame audiometrico.
Saluti,
Dr. Uberto M.Santoboni
Specialista in Medicina dello Sport

[#2] dopo  
Utente 259XXX

Grazie della risposta dottore!
Ma non c'è un protocollo che dice chi è idoneo e chi non lo è? Ad esempio ho compagni di squadra realmente ipertesi, non c'è un regolamento che dice chiaramente se possono essere considerati idonei o non idonei per questo sport?

[#3] dopo  
Dr. Uberto Maria Santoboni

24% attività
0% attualità
12% socialità
ASSEMINI (CA)
SESTO SAN GIOVANNI (MI)

Rank MI+ 36
Iscritto dal 2008
l'ipertensione arteriosa, di per sé, non è una controindicazione assoluta per l'attività agonistica. E' il medico dello sport a valutare, dopo aver visionato la documentazione clinica, se sussista controindicazione o meno.
Per il tiro a segno, trattandosi di attività di tipo ad impegno di tipo “neurogeno”, caratterizzata da incrementi della frequenza cardiaca da minimi a moderati, dovuti, soprattutto in competizione, alla componente emotiva, in genere un'ipertensione controllata dalla terapia non dovrebbe rappresentare una controindicazione.
Dr. Uberto M.Santoboni
Specialista in Medicina dello Sport

[#4] dopo  
Utente 259XXX

Grazie, ora la questione mi è chiara!
Cordiali salute e buone feste!