Utente 101XXX
salve,
giocando a pallone due settimane e mezzo fa mi e' girata la caviglia sinistra;subito non ho sentito un gran dolore pero' la caviglia e' gonfiata immediatamente molto,prima intorno al collo del piede poi il gonfiore si e' esteso fino alle dita.Siccome ho slogato le caviglie almeno altre tre volte e me la sono sempre cavata con un po' di ghiaccio, pomate e fisioterapia,ho pensato che non fosse necessario fare una risonanza e che bastasse lasciare il suo tempo alla caviglia affinche' si disinfiammasse.Purtroppo pero' la caviglia dopo cinque giorni e' sconfiata nella parte bassa del piede ,ma e' rimasta gonfia intorno al collo.Ho pensato cosi' che fossi sulla via della guarigione e ho abbandonato le stampelle che havevo iniziato ad usare il giorno dopo la slogatura.A distanza di una settimana il gonfiore intorno al collo del piede non diminuiva anzi iniziavo ad avvertire sempre piu' spesso nel compiere particolari movimenti delle fitte sia sul lato esterno che sul lato interno della caviglia.Mi sono cosi' deciso a fare una risonanza di cui riporto adesso l' esito secondo il radiologo:
" ISPESSITI PER VERSAMENTO INTRA E PERILESIONALE I LEGAMENTI PERONEO ASTRAGOLICO ANTERIORE E PERONEO CALCANEARE . INBIBIZIONE SIEROEMATICA DEL LEGAMENTO PERONEO ASTRAGOLICO POSTERIORE.DISCRETO VERSAMENTO INTRARTICOLARE FATTORE FLOGISTCO.EDEMATOSI NELLE PARTI MOLLI SUPERFICIALI DEL VERSANTE ESTERNO ". Mi sono rivolto ad un ortopeidco il quale mi ha detto che mi sarei dovuto ingessare il giorno stesso della slogatura per impedire ai legmenti di strapazzarsi.mi ha detto inoltre che i legamenti eranano sfilacciati a causa della ingente quantita' di liquido che si era rivesata e che ormai non valeva la pena di ingessare.Mi ha consigliato cosi' di tenere una calza elastica e di non fare attivita' sportiva per un mese. Aquesto punto vi faccio le mie domande:
1) voi come avreste interpretato l' esito della risonanza ?perche' continua ad essere confio il collo del piede?
2)sto rischiando a camminare senza preoccuparmi di utilizzare stampelle o altro sulla caviglia?
3)cosa mi consigliereste di fare per recuperare?
4)pensate che in un mese potro' riprendere a giocare senza preoccupazioni?
5)io gioco a calcio ,pallavolo e sci quest' inconveniente mi creera' problemi per la pratica di questi sport superati il mese di attesa.
mi scuso per l' eccessivo numero di domande che vi ho fatto ma speravo che voi avreste potuto dare una risposta a tutti i miei dubbi.
anticipatamente vi ringrazio
cordiali saluti

[#1]  
Dr. Carlo De Michele

24% attività
0% attualità
12% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 36
Iscritto dal 2005
DAll'esito della RM si deduce che si è trattato di un traunìma di una certa importanza. Anche se non è chiaro da quanto tempo ti sei fato male credo che sia ancora utile usare un tutore che impedisca i movimenti di lateralità consentendo quelli di flesso.estensione. così da poter camminare (cosa molto utile nel recupero di questo tipo di lesioni) senza pericolo. Questo trattamente dovrebbe essere mantenuto per circa 20 giorni, successivamente dovresti iniziare una buona riabilitazione per recuperare la prorpiocettività articolare facendoti controllare anche da un osteopata. Credo che ti sarebbe utile anche controllare la tua postura dato il ripetersi di evnti distorsivi. Seguendo queste indicazioni credo che tu possa recuperare completamente le tue capacità sportive.
Cordialmente
dr Carlo de Michele
dr. Carlo de Michele
Medico Internista
Spec in Medicina dello Sport
Medicina Manuale Osteopatica

[#2] dopo  
Utente 101XXX

gentilissimo dottore, la ringrazio per la sua risposta,e colgo l' occasione per farle altre due domande se lei e' disponibile. Intanto le preciso che la distorsione e' avvenuta in data 29 gennaio ,quindi io ho tenuto le stampelle per i primi 5 giorni ,e fino ad oggi ho portato solo una calza elastica;ho utilizzato inltre il ghiaccio alterandolo con una pomata (REPARIL)dal giorno della distorsione fino al 9 febbraio.Le domande che vorrei farle sono:
1)che tipo di tutore intende lei? Io dopo le precedenti distorsioni avevo utilizzato un tutore con due staffe di plastica dura ma solamente per giocare,e provandolo a mettere adesso ho notato che mi recava fastidio perche' stringeva troppo nella caviglia interna
2)io sto camminando normalmente ,pensa che la riabilitazione sia necessaria?

[#3]  
Dr. Sergio Lupo

28% attività
0% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
GENZANO DI ROMA (RM)

Rank MI+ 44
Iscritto dal 2003
Sono daccordo con il collega: il tutore deve essere indossato, ma contemporaneamente si deve iniziare la terapia e la riabilitazione. La riabilitazione è FONDAMENTALE (legga su www.sportmedicina.com gli articoli della sezione specifica: http://www.sportmedicina.com/riabilitazione_e_sport.htm
per capire il significato e l'importanza di una corretta riabilitazione dopo un trauma).
Dottor Sergio Lupo
Dottor Sergio Lupo
Specialista in Medicina dello Sport
www.sportmedicina.com

[#4]  
Dr. Carlo De Michele

24% attività
0% attualità
12% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 36
Iscritto dal 2005
Null'altro da aggiungere a quanto detto da Sergio (col quale mi trovo sempre d'accordo).
Penso che il tutore che hai usato possa andare bene: devi solo stringerlo quanto ti permette la tua caviglia.
dr. Carlo de Michele
Medico Internista
Spec in Medicina dello Sport
Medicina Manuale Osteopatica

[#5] dopo  
Utente 101XXX

egregi dottori, vi ringrazio entrambi per il vostro interessamento e se possibile vorrei approfittare della vostra professionalita' e disponibilita' chiedendovi una consulenza su un caso diverso dal mio.Mia madre da circa due anni soffre di dolori alle ginocchiache puntualmente quando le affatica troppo le si gonfiano rendendogli difficile e doloroso camminare. A seguito dei risultati della risonanza gli e' stata riscontrata la presenza di cisti nella parte di dietro della gamba .Queste cisti sono sensibili al tatto e il medico ha detto che sono di natura infiammatoria e le ha chiamte "cisti di becker".SU indicazione del medico ha preso delle pillole(WALIX) che un po gli hanno ridotto il dolore.Mia madre ha imparato a convivere con questo dolore ,fasciandosi anche con bendaggi molto stretti e controllandosi nei movimenti, perche' non ha intenzione di operarsi anche perche' le hanno detto che si potrebbero riformare.Io sarei per l' operazione, ma se voi mi potreste fornire delle informazioni su questo tipo di cisti ', su come ci si dovrebbe comportare per combatterle e un vostro consiglio su la cura ,magari, mi potrei fare un idea sulla gravita' della situazione.Mia madre ha 53 anni e' forte e in salute ,e qualche chiletto in piu', e se ci fosse qualcosa per liberarla da questo fastidio senza rischi id ricaduta sarebbe la cosa migliore.
Vi ringrazio nuovamente
cordiali saluti

[#6]  
Dr. Sergio Lupo

28% attività
0% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
GENZANO DI ROMA (RM)

Rank MI+ 44
Iscritto dal 2003
Prima di un eventuale intervento si può provare con della fisioterapia ben effettuata e della ginnastica specifica per migliorare l'efficienza muscolare, ma credo che sia importante diminuire il peso corporeo per evitare i sovraccarichi sull'articolazione del ginocchio. Sono proprio le reazioni infiammatorie (post-traumatiche, su base artrosica ecc.) a causare l'aumento di volume delle cisti (la cui causa è quasi sempre o post-traumatica o infiammatoria).
Dottor Sergio Lupo
Dottor Sergio Lupo
Specialista in Medicina dello Sport
www.sportmedicina.com

[#7] dopo  
Utente 101XXX

salve,
sono passati 20 giorni e io, da quando ho beneficiato per l' ultima volta della vostra consulenza, ho fatto una fasciatura rigida con una benda elastica che in pratica limita i movimenti.Adesso non ho dolore per niente ,ma li gonfiore nella parte del collo della caviglia e' sempre costante .La vastita' del gonfiore non e' eccessiva ma non e' diminuita se non di poco.Quando mi tolgo il bendaggio per un poco mi sembra sgonfio ,ma subito aumenta di dimensioni.Per quanto riguarda la motilita' della caviglia ,io la sento ingessata,nel senso che mi sento limitato nei movimenti anche senza bendaggio.Vorrei farvi una domanda: ma la fisioterapia consiste negli esercizi per migliorare la motilita' della caviglia ,o c' e' pure qualcos'altro ( medicine ,macchinari,ecc....),perche' se fosse per gli esercizi,io vorrei incominciarli subito.Potrei farlo anche se la caviglia e' ancora gonfia?
grazie
vi saluto

[#8]  
Dr. Sergio Lupo

28% attività
0% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
GENZANO DI ROMA (RM)

Rank MI+ 44
Iscritto dal 2003
A febbraio le abbiamo detto che avrebbe dovuto indossare il tutore e CONTEMPORANEAMENTE iniziare la riabilitazione: la riabilitazione dovrebbe quindi già essere stata iniziata, sotto il controllo di un buon fisioterapista e, ovviamente, dello specialista medico.
Dottor Sergio Lupo
Dottor Sergio Lupo
Specialista in Medicina dello Sport
www.sportmedicina.com

[#9] dopo  
Utente 101XXX

salve,sono passati 5 mesi dal giorno in cui mi sono slogato la caviglia ,ho fatto due mesi e mezzo di fisioterapia mi sono riempito di pomate(reparil,voltaren,lasonil)e non ho fatto sport.Non so piu' cosa fare, la mia caviglia sinistra non mi fa male ,ma lo stesso rimane un po' gonfia intorno al collo .il gonfiore e ' molto ridotto ma non essendo scomparso del tutto ,mi sento insicuro a tornare a giocare .Perche' il liquido non si e' assorbito secondo voi?io ,di movimento ho solo camminato e guidato, non l'ho mai sforzata eccessivamente. E' normale che dopo 5 mesi il liquido non si sia riassorbito? come mai in questi casi vi e' una fuoriuscita di liquido? cosa serve dal punto di vista fisiologico per fare riassorbire il liquido? che trattamenti potrei fare per accellerare il mio recupero? mi scuso per le mie tante domande ,ma non so come uscire da questa situazione e ve ne sarei etrnamente riconoscente, se sapreste dare una risposta ai miei dubbi

[#10]  
Dr. Sergio Lupo

28% attività
0% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
GENZANO DI ROMA (RM)

Rank MI+ 44
Iscritto dal 2003
In teoria quello che ha fatto è abbastanza corretto. La scarsa efficacia può dipendere solo da una non ottimale riabilitazione. Mi dispiace non poterla aiutare ulteriormente, ma solo uno specialista, dopo una accurata visita clinica, le può dare indicazioni valide per la situazione attuale che a distanza mi è impossibile conoscere e valuare correttamente.
Dottor Sergio Lupo
Dottor Sergio Lupo
Specialista in Medicina dello Sport
www.sportmedicina.com