Utente 972XXX
Salve,
sono un pallavolista della non più giovane età di 34 anni ed accuso un forte dolore alla spalla sinistra,quella cioè che utilizzo per fare gli attacchi, essendo mancino.
Fin da quando avevo 20 anni ho sempre avuto forti dolori sia nella parte interna che esterna della spalla.Dopo svariate terapie di ionoforesi ,tens e laser,nonchè adeguato esercizio di potenziamento localizzato ,tutti assolutamente inutili,dopo esame radiologico e di risonanza magnetica,ho deciso d'accordo con il mio ortopedico,di eseguire un intervento di artoscopia con buoni risultati,devo dire,per i primi anni.

Gli ultimi 2 anni ma soprattutto quest'anno,non riesco a completare nemmeno il 60% del gesto atletico (caricamento e inarco della spalla)in quanto accuso forte dolore,in più ho difficoltà rotative a 360 gradi,in poche parole mi manca sia la potenza che la manualità.
La cosa + incredibile è che se rimango fermo il dolore anzichè diminuire aumenta.
Metto il ghiacco nella zona dolorante per diverse ore la sera (finoa 4 ore)ma ottengo poco e nulla.
Avendo ancora voglia di poter giocare ed essendo comunque assolutamente integro in tutte le altre parti del corpo,vi chiedo cosa posso fare per poter risolvere questo problema.
Vi scrivo anche il referto della risonanza fatta prima dell'operazione:
Alterazione di segnale dell'intersezione omerale del tendine del muscolo sovraspinoso.

Fatti di tenosinovite di minima entità a carico dell'inserzione prossimale del tendine del capolungo del bicipite.
Tenue alterazione del margine inferiore della fibro-cartilagine della glena omerale.

Rimango in attesa di un vostro parere,ringraziandovi anticipatamente.

[#1]  
Dr. Sergio Lupo

28% attività
0% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
GENZANO DI ROMA (RM)

Rank MI+ 44
Iscritto dal 2003
Dall'esame non si evidenziano alterazioni importanti, ma vista la sintomatologia credo che il problema sia funzionale. Probabilmente l'efficienza dell'articolazione (mobilità, equilibrio dei gruppi muscolari, forza ecc.) non è ottimale.
Altra problematica può essere quella legata alle cartilagini articolari che potrebbero essere alterate.
Le consiglio di rivolgersi ad un esperto di riabilitazione della spalla per valutare la condizione attuale (ha chiesto al suo ortopedico il motivo della situazione attuale?).
Dottor Sergio Lupo
Specialista in Medicina dello Sport
www.sportmedicina.com