Utente 245XXX
Egregio Dottore,
sono una ragazza di 25 anni, pratico attività aerobiche in palestra da circa un anno.
Ultimamente succede(non sempre ma molto spesso) che al termine della lezione mi si annebbi la vista, anzi più precisamente noto che si restringe il campo visivo, perchè compaiono delle piccole macchie trasclucide, come per la presenza di una patina lucida, soprattutto nella zona più periferica della pupilla. Ho gli occhi verdi e l'anno scorso l'oculista ha diagnosticato il cristallino molto sottile, con la presenza delle cosidette "mosche volanti" ovvero piccoli punti neri che si presentano in quelle zone dove il cristallino si è distaccato.E' molto fasidioso, anche se scompare dopo circa 30/40 min.
Avevo pensato di effettuare una visita "sotto sforzo".
Anni fa l'elettrocardiogramma ha evidenziato le extrasistole, che a detta del medico, sono per lo più genetiche(soffrendone anche mia madre) ma al tempo, lui stesso mi aveva consigliato l'attività fisica.
Ora Le chiedo, il problema agli occhi che appare dopo l'attività può in qualche modo essere collegato al cuore o comunque ad un eccessivo affaticamento? O a parere Suo è solo un problema di vista?
La ringrazio anticipatamente per la Sua disponibilità.
Cordiali saluti.
Anonella

[#1]  
Dr. Vincenzo Martino

40% attività
0% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)

Rank MI+ 56
Iscritto dal 2008
Gentile sig.ra Antonella, è poco probabile che la sintomatologia da lei riferita trovi pertinenza cardiologica, a meno che non soffra di una aritmia misconosciuta. A tal fine, per facilitare una diagnosi differenziale, le consiglio di praticare un Holter ECG, prelievo venoso per valutazione della funzionalità tiroidea e parametri emocromocitometrici, infine una consulenza neurologica.
Cordialmente,
Dr. Vincenzo MARTINO