Utente 257XXX
Buongiorno dopo più di un anno ho rispreso l'attività in palestra con molta intensità ed un mese fa dopo una serie di esercizi ho accusato un forte dolore al gluteo destro che scendeva lungo la gamba posteriormente.
mi sono recata prima dal medico e poi da un fisiatra che mi hanno diagnosticato un infiammazione del nervo sciatico ed invitandomi a prendere voltaren + sirdalud pastiglie .
La cura è stata da me seguita per solo 3 giorni il dolore è comunque diminuito senza però scomparire in particolare è restato una sorta di dolore pulsante al bicipite femorale sopra l'incavo del ginocchio .
tale dolore compare solo se resto in piedi ferma per un po di tempo ( lavare i piatti, cucinare, stirare) scompare invece in posizione di risposo.
ieri però sono tornata dal medico anche perchè mi sono accorta che ho assunto una postura storta pendendo verso l'arto sinistro il medico dice che probabilmente è una postura antalgica che compensava il dolore e mi ha detto di fare una rx rachide lombo sacrale e di effettuare una cura con feldene + muscoril iniezioni per 6 giorni poer poter togliere il dolore rimasto.
volevo un vostro parere:

è possibile acquisire una postura così in un mese di dolore sciatico?
il dolore rimasto può essere ancora riferito all' infiammazione del nervo sciatico?
attendo
grazie

[#1] dopo  
Dr. Gianpaolo Sardo

28% attività
12% attualità
12% socialità
CATANIA (CT)
GELA (CL)
MAZZARINO (CL)

Rank MI+ 52
Iscritto dal 2015
Gentile utente, nelle prime due riche del suo post è riassunto il grande errore che fanno in tanti e cioè: "dopo più di un anno ho rispreso l'attività in palestra con MOLTA INTENSITA' ed un mese fa dopo una serie di esercizi ho accusato un forte dolore". Questo, in genere, succede con il "fai da te" perchè non posso pensare che un professionista del settore imponga una alta intensità di esercizio a chi è ferma da un anno.
Comunque il danno è fatto, cerchiamo di porre rimedio per quanto possibile. L'infiammazione del nervo sciatico avviene per compressione radicolare ed il trattamento soltanto con compresse per os non è il massimo. La postura deviata verso il lato opposto è da considerare antalgica ma fare un esame RX adesso sarebbe quantomeno fuorviante. In questi casi, si associa il riposo funzionale fuori carico (quindi a letto) ad esercizi di stretching lombare oltre ovviamente ad una terapia che deve essere necessariamente intramuscolo. Soltanto dopo, a sintomatologia conclusa, potrà effettuare l'RX di controllo sotto carico e nelle proiezioni A-P e L-L più proezioni dinamiche (massima flessione e massima estensione). Questo esame potrà consentire una diagnosi più precisa ed accorciare i tempi di recupero. Spero di esserle stato utile. Cordiali saluti.
Dr. Gianpaolo Sardo
specialista in Medicina dello Sport - Catania
www.studiomedicostaff.it

[#2] dopo  
Utente 257XXX

Buongiorno dott. grazie per la sua celere risposta , ha perfettamente centrato la causa scatenante dovuta ad un "fai da Te" ripetendo quanto fatto in palestra anche a casa ed è proprio a casa che ho avvertito il problema
Seguirò i suoi consigli che, per quanto riguarda la terapia, coincidono anche con quello del medico che oltre alla rx mi ha prescritto 6 fiale di feldene + muscoril .

grazie ancora la sua spiegazione è stata molto utile .

[#3] dopo  
Utente 257XXX

Buongiorno dott. Un ultimo chiarimento la cosa che mi meraviglia molto è la postura, così evidente , deviata dal lato opposto alla gamba dove ho dolore .
In effetti volendomi "raddrizzare " sento tirare i muscoli di glutro e coscia .
È normale che il corpo acquisisca automaticamente questa posizione in poco tempo ( 20 giorni di dolore/ fastidio) .
Una volta scomparso il dolore sarà possibile correggere la postura ,? A quale specialista rivolgersi ?