Utente 545XXX
Salve, Circa quattro mesi ho subito un infortunio mentre giocavo a calcio. Dolore zona inguinale superiore, dolore mentre calciavo. A seguito di visita da medico curante e da fisiatra, mi è stata diagnosticata pubalgia. Dopo tre mesi ho effettuato un altra visita con rmn bacino che ha evidenziato il seguente referto:

Indagine eseguita con tecnica FSE, GE e DEFIR con immagini nei tre piani ortogonali pesate in T1, T2, T2* e STIR.

Nei limiti per morfologia e intensità di segnale le superfici articolari coxo-femorali bilateralmente. Non evidenti alterazioni di segnale periarticolari.

Non segni di edema spongioso né significativi versamenti articolari.
Moderati aspetti reattivi sull'inserzione distale del muscolo ileo-psoas di DX con minima quita fluida peritendinea sul profilo anteriore del relativo collo femorale e peritroncanterica .
Regolari le sincondrosi sacro-iliache e la sinfisi pubica.

Il fisiatra mi ha dato le seguenti terapie: Diamagnetica, stretching psoas, potenziamento psoas in eccentrica, manipolazione psoas.

Vorrei chiedere cosa significa il referto.

Se ci fossero state calcificazioni si sarebbero viste?

Dopo tre mesi devo considerarla una situazione cronica?

La terapia prescritta è adeguata?

[#1] dopo  
Dr. Stefano Guidotti

24% attività
16% attualità
12% socialità
FIRENZE (FI)
FIGLINE VALDARNO (FI)

Rank MI+ 52
Iscritto dal 2007
Gentile Signore , il suo racconto sembra essere coerente col trauma sportivo a suo tempo subito. La RMN evidenzia una sofferenza inserzionale dell' IP sul femore, la terapia suggerita sembra condivisibile e pertanto speriamo sortisca i benefici sperati. Nel caso non dovesse risolvere del tutto il problema nella mia esperienza risulta indicato e molto efficace un trattamento con onde d'urto focali che con poche sedute, se non controindicato per altri motivi, dovrebbe essere risolutivo. Caso mai consulti un bravo collega esperto di terapia con onde d'urto nella sua zona che la saprà consigliare per il meglio. Cordiali saluti Stefano Guidotti
Dr. Stefano Guidotti
Ortopedico Fisiatra Esperto di Onde d'urto Firenze
www.stefanoguidotti.it

[#2] dopo  
Utente 545XXX

Salve e grazie per la risposta.

Vorrei sapere se è possibile indagare le cause che hanno generato la tendinite, aldilà dell'evento traumatico.