Utente 118XXX
Ad ottobre del 2008 mi sono recato dal medico di famiglia in quanto lamentavo in dolore in prossimità del pube.
Dopo palpazione per escludere eventuali ernie, e svolti gli esami di routine che sono risultati negativi, il medico mi ha consigliato un paio di settimane di riposo (mi alleno in palestra regolarmente) ed il dolore mi è passato.

Circa un paio di mesi fa il dolore si è ripresentato, anche se in forma molto più leggera, inoltre ho notato che quando mi alzo la mattina il dolore è praticamente inesistente, tende ad acutizzarsi durante la giornata (lavoro almeno 8 ore seduto davanti ad un computer, e con l'allenamento in palestra tende a passare. Informato il medico di quanto indicato, per sospetta pubalgia, mi ha consigliato una vista fisiatrica previa lastra colonna vertebrale e bacino.

La lastra ha evidenziato una discopatia a livello lombo-sacrale ed a livello cervicale. Il fisiatra ha confermato la diagnosi del medico prescrivendomi una RMN alla sinfisi pubica ed alla zona lombo sacrale.

L'unica anomalia che la RMN alla sinfisi pubica ha evidenziato è: articolazione coxo-femorale tendente al valgo con leggero versamento bilaterale in particoloare sul lato sinistro.

In attesa di portare il referto al fisiatra, è da circa una settimana che la sintomatologia a livello del pube si è leggermente modificata, nel senso che il dolore durante la giornata si sposta dal pube verso i testicoli, più che dolore direi una fastidiosa sensazione di calore.

Vorrei sapere se la cosa potrebbe essere causata dal problema legato all'articolazione coxo-femorale oppure se sarebbe più opportuno fare ulteriori verifiche.

[#1]  
Dr. Sergio Lupo

28% attività
0% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
GENZANO DI ROMA (RM)

Rank MI+ 44
Iscritto dal 2003
La diagnosi potrebbe essere corretta, ma non posso darle conferma certa senza visita ed esami. La pubalgia, se questa è la patologia, spesso ha cause di tipo posturale (alterazioni della colonna vertebrale o dell'appoggio del piede, squilibrio della muscolatura agonista/antagonista, deficit di forza, errori di allenamento ...). Le consiglio quindi di rivolgersi allo specialista con le maggiori conoscenze di sport: lo specialista in medicina dello sport. Potrà avere le indicazioni diagnostiche e terapeutiche più corrette, anche in funzione della pratica sportiva.
Dottor Sergio Lupo
Specialista in Medicina dello Sport
www.sportmedicina.com