Nausea e capogiri

Buongiorno,

sono un ragazzo di 33 anni, normopeso in cura da diverso tempo con Fluvoxamina 100 mg 1 cp + Gabapentin 300 mg 3 capsule al dì poiché soffro di una rara forma di cefalea trigemino-autonomica ad andamento cronico da svariati anni.

Saltuariamente mi capita di accusare episodi acuti di nausea e capogiri con una frequenza molto variabile nel senso che gli episodi possono ripresentarsi, esempio 2 volte nello stesso mese, salvo poi magari non ripresentarsi più per 2-3 mesi.

Le crisi di nausea insorgono generalmente all'improvviso senza un vero e proprio fattore scatenante all'apparenza. L'ultimo episodio è insorto in piena notte quando mi sono svegliato di colpo sudando freddo e con la testa che girava senza però aver vomitato. Gli episodi hanno, di norma, una durata variabile dalle 2 alle 4 ore cadauno.

Sono una persona che pratica regolarmente sport (corsa, mountain bike) e sto seguendo da circa 3 mesi una dieta chetogenica ipolipidica sotto supervisione di una biologa nutrizionista al fine di raggiungere nuovamente il mio peso forma. Tengo tuttavia a precisare che gli episodi di nausea a volte si verificavano anche PRIMA di intraprendere la dieta chetogenica.

Sono inoltre bradicardico e ho sempre avuto tendenzialmente la pressione leggermente bassa.

Quali potrebbero essere le cause? C'è da preoccuparsi?


Grazie


G.
[#1]
Dr. Raffaello Brunori Otorinolaringoiatra, Medico di medicina generale 31,8k 1,1k
Nausea e vertigini sono l'espressione di una patologia ancora a noi non nota, visto che , mi pare di capire, ad oggi non si è sottoposto ancora ad un esame audio-vestibolare. Certo, non possiamo escludere anche che possa essere legata alla forma di cefalea sofferta, ma dobbiamo escludere una compromissione vestibolare.
Per questo, le suggerisco, innanzitutto, di parlarne con il Neurologo che la segue per la cefalea e, poi, con il suo nullaosta, si sottoponga all'esame consigliato, meglio rivolgendosi presso un ambulatorio di vestibologia dell'Ospedale.
Un cordiale saluto

Dr. Raffaello Brunori

[#2]
dopo
Utente
Utente
Buonasera Dr. Brumori,


La ringrazio per il tempestivo riscontro. Proverò sicuramente a parlarne con il neurologo che mi segue, nel mentre Le volevo chiedere cosa ne pensa della frequenza con cui si verificano i singoli episodi di nausea e capogiri: come ho specificato nel mio post precedente può capitare di non avere episodi da molti mesi mentre altre volte invece posso avere crisi anche più "ravvicinate" nello stesso mese.

Cosa ne pensa di questo? Nel caso venisse fuori di avere problemi a livello dell'orecchio (la causa dei capogiri) quale sarebbe la cura?


Grazie


G.
[#3]
Dr. Raffaello Brunori Otorinolaringoiatra, Medico di medicina generale 31,8k 1,1k
Se dipendesse dall'orecchio, bisognerebbe sempre capirne la causa attraverso gli esami descritti. In base alla diagnosi, si attuerà la terapia piu' consona

Dr. Raffaello Brunori

[#4]
dopo
Utente
Utente
Buongiorno Dottore,

proprio ieri sono stato dal mio neurologo e abbiamo parlato di questo problema delle le crisi vertiginose che a volte si verificano in modo del tutto inaspettato (solo nel mese in corso ho avuto 3 episodi intensi e ravvicinati)

Il neurologo mi ha prescritto un farmaco per tenere sotto controllo le crisi: Arlevertan 20/40 mg 1 cp alla mattina per ciclo di 1 o massimo 2 mesi, aumentabile a 2 cp al giorno in caso di insoddisfacente compenso.

Cosa ne pensa?


Grazie


G.
[#5]
Dr. Raffaello Brunori Otorinolaringoiatra, Medico di medicina generale 31,8k 1,1k
Sono perplesso del comportamento del neurologo cui si è rivolto. mi pare di capire che si sia limitato il tutto ad una chiacchierata, senza una visita e la prescrizione di una RM del cranio. La cura prescritta potrebbe essere utile, ma non basata su una diagnosi.

Dr. Raffaello Brunori

[#6]
dopo
Utente
Utente
Buongiorno,

in verità il neurologo mi ha visitato e mi ha pure misurato la pressione, ma non ha rilevato niente di anomalo.

Per quanto concerne la RM del cranio vorrei precisare che in passato ne ho effettuate DIVERSE, per altri motivi, sia con che senza liquido di contrasto e non è mai emerso niente di anomalo.

Cosa ne pensa?

Grazie


G.
[#7]
Dr. Raffaello Brunori Otorinolaringoiatra, Medico di medicina generale 31,8k 1,1k
Che dirle, proviamo a vedere che succede con la cura prescritta

Dr. Raffaello Brunori

[#8]
dopo
Utente
Utente
Buonasera Dottore,

La informo che, di mia spontanea iniziativa, mi sono sottoposto ad un consulto presso un otorinolaringoiatra prima e ad un esame vestibolare poi per valutare il possibile coinvolgimento dell'orecchio interno nella genesi degli episodi vertiginosi. Il risultato è stato negativo, ossia la genesi delle vertigini sembra che NON sia l'orecchio interno. Conseguentemente sarà quindi necessario andare avanti ad indagare per riuscire a risalire alla causa. Io ho paura che la causa possa essere di natura "cardiaca" ossia dipendere dalla mia bradicardia oppure, peggio ancora, a qualche aritmia di cui ancora ignoro l'esistenza.

Cosa ne pensa? Conviene che mi sottoponga ad un consulto cardiologico?


Grazie!



G.
[#9]
Dr. Raffaello Brunori Otorinolaringoiatra, Medico di medicina generale 31,8k 1,1k
Nel suo caso, si deve andare per esclusione. Non essendo emersa alcuna patologia labirintica, il nuovo passo consiste, certo, nel consultare anche un Cardiologo. Nulla di grave, stia tranquilla, ma dobbiamo arrivare ad una diagnosi.
Cordialmente

Dr. Raffaello Brunori

Quali argomenti vorresti approfondire su Medicitalia? Partecipa al sondaggio