Utente 148XXX
Salve dr,non so da dove cominciare...A fine ottobre 2010 sono stata coinvolta in un brutto incidente stradale che ha portato al decesso di chi lo ha causato e guidava il veicolo che si è scontrato con il mio sulla quale viaggiavo con altro conducente.Esiti:frattura dell'apofisi radiale dx, frattura somatica L1 con stabilizzazione mediante 2 placche (T 12-L1-L2)e 6 viti,frattura composta di 3 costole sx7-8-9.Complessivi 12 gg di ospedale 8 dei quali alettata.
Situazione odierna:Faccio di lavoro la cuoca per 6 mesi l'anno e sto in piedi 8 ore al giorno.Facevo l'insegnante di ballo per altri 6 mesi.L'operazione in se non mi fa male, i miei dolori sono muscolari e prendono un'area da sopra i glutei alla testa.Nessun formicolio, qualche problema d'equilibrio dx.Limitazioni di movimento per me notevoli rispetto a prima,estensioni dolorose in tutte le direzioni del busto, come anche restare seduta per lungo tempo oppure ferma in piedi.
Il neurologo ha detto che tutto va bene che i dolori sono normali e di fare più che posso nuoto per rinforzare i muscoli e ciclo ginnastica posturale.
L'ortopedico che non tornerò più come prima, che i dolori sono il prezzo da pagare e che la mia situazione migliorerà di poco.Fare fisioterapia.Aggiunge che eventualmente si potrebbe rimuovere viti e placche a distanza di qualche mese.
Il fisiatra che non devo più nuotare per il momento, che recupererò quasi totalmente i movimenti con ginnastica posturale e fisiterapia.
Il mio medico di famiglia che dovrei fare manipolazioni.
Ma una persona come me, a chi deve dare retta???
Potrò ritornare a fare ciò che facevo prima?
Passeranno i dolori?
Le placche veramente dovranno essere rimosse se le viti si allascheranno?
Veramente la via da seguire è quella dell'inattività completa come mi stanno dicendo tutti?
Io ho un grande desiderio di ritrovare armonia con il mio corpo che sento teso e scricchiola ad ogni movimento.
Qual'è il medico che dovrei cercare di seguire maggiormente in questo momento?Grazie a chiunque possa chiarirmi i dubbi.

[#1]  
Dr. Giulio Pio Urbano

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
4% attualità
16% socialità
RHO (MI)

Rank MI+ 56
Iscritto dal 2008
Gentile utente,

chiarirLe tutti i Suoi dubbi è molto difficile,

cercherò di chiarirne almeno qualcuno:

- non deve seguire "... la via ... dell'inattività";

- anche se il Suo corpo "scricchiola", prosegua con l'attività fisica, in particolare con quella che Le dà meno disturbi/fastidi;

- pratichi tranquillamente il nuoto EVITANDO delfino e rana ma prediligendo stile e dorso;

- torni pure a ballare, se la sintomatologia algica lo consente, riavvicinandosi con gradualità e senza forzare con balli particolarmente stancanti, da insegnante dovrebbe esserLe facile individuare quali balli evitare;

- eviti di stare in piedi "ferma" o in posizione statica troppo a lungo, purtroppo la Sua particolare attività lavorativa non La facilita, d'altronde il benessere fisico è sicuramente prioritario;

- per quanto riguarda le manipolazioni, potrebbero rivelarsi utili, se effettuate da medici esperti;

- darLe un consiglio sullo Specialista da interpellare, vista la casistica da Lei conosciuta e riportata, mi risulta veramente difficile, credo che debba affidarsi allo Specialista che le dà più fiducia, i consigli del Neurologo e del Fisiatra (non concordo sull'abolizione del nuoto),

sono in parte accettabili.

In bocca al lupo!
Urbano Giulio Pio MD
Specialista Medicina Fisica Riabilitazione
e Psicoterapia
3398917774(h16-20)

[#2] dopo  
Utente 148XXX

Grazie dottore per il suo consiglio, immagino che non sia facile rispondere alle mie domande, ma come può immaginare lo è ancor di più per me che non essendo abituata a frequentare medici e ad avere problemi di salute, dinnanzi a diversi specialisti e tanti pareri talvolta opposti, ci si possa sentire confusi.Credo che per il momento darò affidabilità al fisiatra visto che sono in cura da poco, cosichè io possa valutare come procede con il suo intervento e poi vedrò il da farsi.Credo che tornerò a nuotare perchè se fatto in modo tranquillo e gestito sulla mia possibilità e forza della giornata, mi fa bene tanto per i dolori quanto per lo spirito, riportandomi a prima dell'incidente quando il mio corpo conosceva pochi limiti e mi dava tanto benessere.Grazie.

[#3]  
Dr. Giulio Pio Urbano

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
4% attualità
16% socialità
RHO (MI)

Rank MI+ 56
Iscritto dal 2008
Mi sembra una scelta ben ponderata.

Cordialità.
Urbano Giulio Pio MD
Specialista Medicina Fisica Riabilitazione
e Psicoterapia
3398917774(h16-20)