Utente 194XXX
Salve.
Domenica scorsa (8 giorni fa) ho subito un trauma distorsivo alla caviglia dx.
Giocando a calcio a livello dilettantistico fin da quando ero ragazzino (ora ho 29 anni) purtroppo non è la prima volta che subisco questo tipo di infortunio.

Pensavo che fosse uguale alle altre volte, quando, con 20 giorni di riposo accompagnato da terapie: crioterapia con ghiaccio alternato a fastum-gel per i primi 2 giorni, anti-infiammatori (brufen 600) una al giorno per tutta la settimana successiva, per poi iniziare la riabilitazione con magnoterapie e ultrasuoni, riuscivo a riprendere l'attività sportiva senza alcuna conseguenza (dolori o fastidi).

Anche questa volta, mi sono recato al pronto soccorso per fare degli accertamenti:RADIOGRAFIA e successiva visita ortopedica. Ma a differenza delle altre volte, in cui i dottori mi avevano rassicurato escludendo qualsiasi conseguenza, il dottore è stato molto + severo nella diagnosi:


"DISTORSIONE COLLO PIEDE DX SU PREGRESSI TRAUMI
VALVA GESSATA TEMPORANEA CON DIVIETO DI CARICO
RIENTRI PER GESSO CIRCOLARE
CONSIGLIATA RMN"


ma soprattutto mi ha addirittura consigliato di evitare in futuro la pratica calcistica, per non incorrere in una precoce artrosi alla caviglia che potrebbe limitarmi la mobilità dell'arto.
Inoltre, con mia grande sorpresa mi ha avvisato che dovrò effettuare in un futuro prossimo una operazione di pulizia per artroscopia, in quanto ci sarebbero residui ossei staccatisi in precedenti infortuni.

Dubbioso, ho consultato un altro ortopedico, amico di famiglia, che mi ha consigliato di fare subito la RMN, per avere una situazione più chiara, senza effettuare l'ingessatura. Nel frattempo mi ha applicato un tutore a stivaletto per tenermela bloccata.
Stamattina ho ricevuto il referto della RMN, che riporto fedelmente:


"MINIMO VERSAMENTO INTRAARTICOLARE A LIVELLO DELL'ARTICOLAZIONE TIBIO-ASTRAGALICA.
SFUMATO EDEMA SPONGIOSO A LIVELLO DEL PROFILO POSTERIORE DELL'ESTREMO DISTALE TIBIALE
CONSERVATI COME DI NORMA I RAPPORTI ARTICOLARI.
ASPETTO DISOMOGENEO DEL LEGAMENTO PERONIERO-STRAGALICO ANTERIORE, DA ESITI DISTRATTIVI.
DIFFUSA IMBIBIZIONE FLUIDA DEI TESSUTI MOLLI DELLA REGIONE ANTERO-LATERALE."


Per le foto, posso su richiesta inviarvi quelle consegnate nel CD insieme alla RMN.

Ora, dovendo aspettare qualche giorno prima di potermi consulare con uno specialista, chiedo vostro consulto circa l'entità dell'infortunio e la situazione attuale della caviglia.

Ora il piede è ancora un pò gonfio, ma non mi fa male, anzi potrei pure iniziare a camminare, ma per prudenza preferisco continuare a usare tutote e stampelle.

-Dovrò operarmi? Ingessarmi?
-Quanto tempo dovrò aspettare prima di tornare a camminare e riprendere l'attività sportiva?
-Che terapia devo seguire? Devo continuare a prendere BRUFEN 600, con che dosi? O devo cambiare farmaco?
-Per la riabilitazione, che terapie mi consigliate?Va ben la Magnetoterapia, quando posso iniziare?

Mi scuso per la prolissità.

Grazie, cordiali saluti

[#1]  
Dr. Roberto Leo

Referente scientifico Referente Scientifico
28% attività
4% attualità
16% socialità
MILANO (MI)

Rank MI+ 48
Iscritto dal 2008
Prenota una visita specialistica
La frase chiave della RMN e' la seguente.
ASPETTO DISOMOGENEO DEL LEGAMENTO PERONIERO-STRAGALICO ANTERIORE, DA ESITI DISTRATTIVI.

Il radiologo non si esprime, ne' potrebbe farlo, circa la gravita' della lesione del sudetto legamento in quanto non e' un clinico e dunque non visita il paziente ma osserva immagini e le descrive con precisione.
Per stabilire la reale gravita' della suddetta lesione e' indispensabile una visita clinica adeguata della caviglia in cui essa dovra' essere sottoposta ad alcune manovre

Cerchiamo comunque di rispondere ad alcune delle sue domande.

-Dovrò operarmi?
NECESSARIA UNA VISITA
UN INTERVENTO E' L'ULTIMA SOLUZIONE DA PORRE IN ATTO.
Ingessarmi?
NO
-Quanto tempo dovrò aspettare prima di tornare a camminare e riprendere l'attività sportiva?
NON MENO DI DUE TRE MESI SE FARA' UN PERCORSO RIABILITATIVO ADEGUATO
-Che terapia devo seguire?
NECASSARIO UN PERCORSO TERAPEUTICO MIRATO ALLA SUA SITUAZIONE CLINICA ATTUALE
Devo continuare a prendere BRUFEN 600, con che dosi? O devo cambiare farmaco?
GLI ANTI INFIAMMATORI HANNO SENSO SOLO SE E' PRESENTE DOLORE
-Per la riabilitazione, che terapie mi consigliate?
VEDI SOPRA
Va ben la Magnetoterapia, quando posso iniziare?
PIU' UTILE LA TECARTERAPIA

Cordiali saluti.
Dr. Roberto LEO